RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

La Repubblica Cronaca di Roma “Rifiuti, mandiamoli a bruciare in Emilia”

Più informazioni su

PIAN dell’Olmo praticamente fuori gioco. E intanto il commissario Sottile propone ancora una volta: «Perché non portiamo i rifiuti all’estero? A Napoli ha funzionato». Ma poi aggiunge: «Si potrebbero anche mandare a bruciare in altre città d’Italia». E nella riunione si fa spesso il nome dell’Emilia. Non solo. Malagrotta sarà prorogata oltre il 30 giugno. Quindi c’è anche un annuncio, che allarga il raggio della scelta oltre le sette località dello studio della Regione: «Cominceremo a fare le verifiche sui dodici siti della Provincia». È questo il risultato dell’ennesima fumata nera dopo il vertice nelle sale di largo Goldoni, la sede distaccata del ministero dell’Ambiente. La novità su Pian dell’Olmo arriva all’uscita, quando Sottile, mentre Alemanno e la Polverini non parlano, si fa sfuggire un «oramai sì» rispondendo a chi gli chiedeva se poteva scegliere un sito per la discarica temporanea di Roma al di fuori di quelli elencati dalla Regione. «Prossimamente» continua il commissario «incontrerò la governatrice, che è il soggetto attuatore, e vediamo cosa possiamo fare». Mentre sulla possibilità di trovare una soluzione entro la prossima settimana, aggiunge: «La quadra è un po’ più difficile trovarla”. Sul fronte di Riano, intanto, non si molla. «E’ il primo tassello di un mosaico che, per quanto ci riguarda, dovrà a breve contenere la parola ‘fine’, ossia la cancellazione da parte di chi di dovere, Commissario Sottile che lo ha indicato in primis, del sito di Pian dell’Olmo dal novero delle possibilità » dichiara Italo Arcuri, vicesindaco del Comune «Toglieremo il presidio? Lo faremo solo quando avremo la certezza che Pian dell’Olmo sarà cassato dall’elenco del post Malagrotta». Ma il commissario, che ha fatto sapere che certamente parlerà con la Commissione ecomafie della Camera, ribadisce anche l’idea, già espressa nei giorni scorsi, di mandare i rifiuti all’estero: «Ho lanciato la proposta. Credo che vada perseguita. Ma si potrebbe anche mandare i rifiuti a bruciare nei termovalorizzatori di qualche altra città italiana ». E subito dopo durante il vertice si parla dell’Emilia come possibile approdo, uno dei più vantaggiosi economicamente. Polemizza il consigliere del Pd De Luca: «Proposte inaccettabili e indecenti». … … … PAOLO BOCCACCI

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RomaDailyNews, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.