RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

La Repubblica Cronaca di Roma | Sparatoria in mezzo al traffico Tor Bella Monaca, feriti 2 ragazzi

Più informazioni su

Rassegna Stampa – Cronaca e Notizie di Roma

UN AGGUATO in piena regola, e soprattutto in pieno giorno, quello di ieri pomeriggio all’incrocio tra via di Torrenova e via delle Naiadi, nel cuore di Tor Bella Monaca. Una sparatoria da macchina a macchina, nel mezzo del consueto caos di fine giornata, finita con un bilancio di due feriti, di cui uno ricoverato in condizioni gravissime al Vannini. E con un quartiere in preda al panico: gli automobilisti e i passanti sono stati costretti ad assistere a una scena da Far West. A quella che, nei progetti di chi ha aperto il fuoco, avrebbe dovuto essere una vera e propria esecuzione. Tutto è iniziato intorno alle 17, quando un’auto e uno scooterone si sono affiancati a una Smart in coda nel traffico. In una manciata di secondi, il finimondo: 15 proiettili hanno raggiunto Giordano Fabi e Simone Ponti, i due 23enni (solo uno dei due aveva un piccolo precedente per ricettazione) a bordo della piccola utilitaria. Uno è stato colpito alla spalla, mentre l’altro a una gamba. Ferite che non hanno impedito ai due coetanei di tentare una fuga disperata, imboccando a tutta velocità la rampa di accesso del grande raccordo anulare mentre venivano inseguiti dai loro aggressori. Una corsa folle, tra spari e manovre da ritiro della patente, terminata solo quando la Smart è finalmente riuscita a far perdere le proprie tracce nel traffico della Prenestina. A quel punto l’auto che li seguiva si è dileguata sgommando tra i veicoli in coda. I carabinieri ne hanno trovato soltanto la carcassa. Gli stessi aggressori se ne sono liberati dandola in pasto alle fiamme: in troppi avevano assistito alla scena. A fermare le due vittime in via Girolamo Cocconi, tra via Prenestina e via Palmiro Togliatti, è stata invece una delle pattuglie dei militari dell’Arma. La loro macchina, la fiancata crivellata dai proiettili e il parabrezza in frantumi, non poteva certo passare inosservata. Una volta fermati, i ragazzi, entrambi disarmati, hanno chiesto aiuto e sono stati portati all’ospedale Vannini: quello ferito alla spalla è stato ricoverato d’urgenza e rischia la vita. Il proiettile che lo ha colpito alla schiena sarebbe penetrato fino a raggiungere lo stomaco. In attesa di conoscere l’esito dell’operazione alla quale è stato immediatamente sottoposto il 23enne, sono ancora tanti i punti da risolvere per i militari del nucleo investigativo di via in Selci, guidati dal colonnello Lorenzo Sabatino, e quelli del nucleo radiomobile, coordinati dal colonnello Mauro Conte. … LORENZO D’ALBERGO

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RomaDailyNews, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.