RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Lotito, partiti i sondaggi La Lazio cambia allenatore

Più informazioni su

 

Claudio Lotito

Claudio Lotito

SS LAZIO (Corriere della Sera, Andrea Arzilli) – La prima risposta è quella che conta: «Sono un dipendente», replica Reja a domanda sul futuro della panchina della Lazio. Si tratta di un segnale: al di là del contratto che vale anche per la prossima stagione, decide la proprietà. Che adesso valuta la soluzione del cambio tecnico, e il giro dei sondaggi è già partito. Stimolato da una contestazione che non fa prigionieri, che ha svuotato lo stadio e che ora si è abbattuta anche su Reja e sulle sue dichiarazioni sempre più da «uomo di Lotito», come ha ammesso lui stesso nel post-Toro, da d.g. «in pectore». (…)

Insomma, a prescindere dalla corsa al posto in Europa, si pensa a cambiare.  Del resto anche i laziali, sui social e sulle radio, hanno già praticato il loro esonero. Morale, ovviamente. È che il solco con l’attuale gestione tecnica della Lazio sembra ormai incolmabile, specialmente dopo il cambio Keita-Pereirinha di sabato contro il Torino.

Al netto delle legittime motivazioni tecniche alla base della decisione di Reja, il pubblico è insorto in una contestazione dettata dall’emotività, come se fosse finita la tolleranza verso i metodi di un tecnico abituato a privilegiare l’esperienza e il mestiere a scapito, talvolta, del talento: Keita è l’unica novità vera di quest’anno, il simbolo del cambiamento che la Lazio non può più rimandare. 

La lista è lunga e i cellulari bollenti, ma il campo si può restringere a tre aree di ricerca. La prima è quella della soluzione interna e, in questo senso, rimbalzano le dichiarazioni di Lotito su Simone Inzaghi a Firenze, la notte della Coppa Italia Primavera. 

Poi però c’è la terza area, quella più orientata alla ricerca di certezze e sulla quale lavora Lotito in persona: qua il profilo non è ancora chiaro, si sa solo che il sondaggio presso Colantuono non ha prodotto alcunché. Ma già il tentativo dà l’impronta: un tecnico collaudato nella gestione dei giovani e, magari, già abituato all’aria pesante del calcio romano. In ogni caso, si cerca. 

Più informazioni su