RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Notizie del giorno: elezioni in Russia e Libia

Più informazioni su

Notizie del giorno: alle elezioni presidenziali in Russia del 18 marzo non parteciperà Aleksej Navalnyj. Attacco a un oleodotto della Cirenaica, a un centinaio di chilometri sulla costa a est di Sirte in Libia.

Notizie del giorno: elezioni in Russia

Ultime notizie. Le elezioni presidenziali in Russia del 18 marzo non vedranno Aleksej Navalnyj tra i protagonisti. Ieri il blogger dissidente è stato infatti giudicato ineleggibile, aprendo la strada al quarto mandato presidenziale per Vladimir Putin, ora privo di avversari credibili (ANSA).

Notizie del giorno - VLADIMIR PUTIN

Notizie del giorno – VLADIMIR PUTIN

A deciderlo è stata la Commissione elettorale centrale russa, che con un voto quasi unanime ha sancito che Navalnyj non potrà partecipare ad elezioni almeno fino al 2028 a causa dei suoi precedenti penali. L’interessato ha invitato i suoi seguaci a boicottare le elezioni, perché “andare ai seggi sarebbe votare per le bugie e la corruzione”.

L’Ue ha subito preso posizione contro la decisione: Federica Mogherini, Alto Rappresentante per la politica estera dell’Ue, ha fatto sapere che la sua condanna pone dubbi sul “pluralismo politico in Russia” e sulla possibilità di avere “elezioni democratiche”.

Notizie del giorno: attacco a un oleodotto in Libia

News. Un attacco a un oleodotto della Cirenaica, a un centinaio di chilometri sulla costa a est di Sirte, ha causato la perdita netta di circa 90mila barili nella produzione quotidiana libica, quasi il 10% (TGCOM). L’atto, secondo alcuni eseguito da miliziani dell’Isis, ha provocato nervosismo sui mercati azionari, con un innalzamento del valore del greggio 2,31%, attestatosi a 66,83 dollari al barile.

Ma l’episodio segna un’ulteriore crescita della tensione politica in Libia, ancora dilaniata dallo scontro tra il premier Al Serraj e il generale Haftar, uomo forte della Cirenaica. Secondo il primo, il Paese avrebbe dovuto mantenere la produzione di greggio attorno al milione di barili al giorno, valore determinato degli accordi di Skhirat, che si sono però conclusi il 17 dicembre.

Più informazioni su