RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Notizie del giorno: ILVA e manovra economica

Più informazioni su

Notizie del giorno: non si chiudono ancora le polemiche sull’Ilva. Ieri Di Maio ha pubblicato sul sito del Mise il parere dell’Avvocatura di Stato, scatenando uno scontro politico. Manovra economica: il riavvicinamento tra il governo italiano e l’Ue sul rispetto dei vincoli di bilancio consente il via libera di Bruxelles all’introduzione “graduale” di reddito di cittadinanza, riforma delle pensioni e riduzione delle tasse.

Notizie del giorno: Ilva

News. Non si chiudono ancora le polemiche sull’Ilva, dopo la sigla dell’accordo tra sindacati e ArcelorMittal.

Ieri il ministro dello Sviluppo economico, Luigi Di Maio, dopo aver chiuso ufficialmente il procedimento avviato sulla gara di aggiudicazione del colosso dell’acciaio, ha pubblicato sul sito del Mise il parere dell’Avvocatura di Stato, scatenando uno scontro politico con l’ex ministro Carlo Calenda sul tema dell’”eccesso di potere”.

Per il leader grillino c’è stato “un eccesso di potere” del precedente governo “per non aver considerato il rilancio di uno dei due concorrenti” di ArcelorMittal.

Secondo Calenda, invece, “l’Avvocatura conferma in pieno il parere precedente sui rilanci. Eccesso di potere ci sarebbe stato se non si fosse tenuto conto dell’interesse pubblico”, “in un Paese serio un ministro che distorce un parere istituzionale di dimette”.

Notizie del giorno: manovra economica

Ultime notizie. Il riavvicinamento tra il governo italiano e l’Ue sul rispetto dei vincoli di bilancio consente il via libera di Bruxelles all’introduzione “graduale” di reddito di cittadinanza, riforma delle pensioni e riduzione delle tasse.

Lo ha reso noto il ministro dell’Economia, Giovanni Tria, al termine delle riunioni a Vienna con i colleghi dell’Eurogruppo/Ecofin e con i due commissari Ue, il lettone Valdis Dombrovskis e il francese Pierre Moscovici (TGCOM).

“Ci sono margini per far partire le varie riforme – ha dichiarato il ministro italiano – Ovviamente si sta mettendo a punto, nella discussione politica, il disegno specifico perché tutto verrà fatto gradualmente nel corso della legislatura. C’è un bilanciamento se dare più l’accento su una o l’altra riforma, ma partiranno tutte e tre”.

Il governo italiano si aspetta ora la fine delle tensioni sui mercati finanziari, che in agosto hanno fatto salire il costo di collocamento del debito nazionale.

Tria ha sostenuto che, rispetto a giugno e luglio, nel confronto con la Ue “la base non è mai cambiata” e si discute “di una manovra che consenta la riduzione del rapporto debito/Pil e dell’aggiustamento strutturale del nostro bilancio”, ed ha escluso richieste all’Europa di più flessibilità per spendere in investimenti perché ci sarebbero ben 140 miliardi stanziati per le infrastrutture: “I fondi ci sono già nel bilancio, si tratta di creare le condizioni per utilizzarli”.

Sulla stessa lunghezza d’onda Giuseppe Conte. Il presidente del Consiglio, che ieri ha presenziato sia alla Fiera del Levante di Bari che al Forum Ambrosetti di Cernobbio, ha lanciato un messaggio rassicurante: mai pensato di uscire dall’euro o dall’Europa, nel governo “c’è un franco dialogo, non grandi discussioni.

Siamo tutte persone ragionevoli, non una banda di scriteriati, e abbiamo una prospettiva quinquennale di operosità”.

Il programma di governo sarà graduale, le misure saranno dosate su cinque anni, e “reddito di cittadinanza e riforma fiscale saranno due pilastri su cui lavoreremo per sagomare una manovra che sia anche di equità sociale”.

Più informazioni su