RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Notizie del giorno: Minniti e Ius soli

Più informazioni su

Notizie del giorno: Venerdì è atterrato il primo aereo che ha portato i profughi dalla Libia a Pratica di Mare. Affossato in Senato lo Ius soli.

Notizie del giorno: Marco Minniti

News. Venerdì è atterrato il primo aereo che ha portato i profughi dalla Libia a Pratica di Mare e il ministro Marco Minniti, in un’intervista su Repubblica, rivendica il successo, esultando per aver “messo in piedi il primo corridoio umanitario della storia, dalla Libia a un Paese europeo”, che renderà possibile l’approdo per diecimila profughi.

La novità principale consiste nel fatto che “chi arriva in Italia è rifugiato e non più richiedente asilo”, con una selezione in Libia per decidere chi ha diritto alla protezione internazionale. Un obiettivo raggiunto attraverso diverse tappe: dalla lotta ai trafficanti del Mediterraneo ai controlli sul territorio fino ad arrivare agli accordi stretti con Al Serraj.

Come effetto, il ministro sottolinea il calo degli sbarchi in Italia e un aumento dei ricollocamenti rispetto al 2016, oltre 11mila migranti contro 2.500. Altri temi trattati nell’intervista sono i foreign fighters e il terrorismo, su cui il Viminale continua ad impegnarsi cercando l’equilibrio tra sicurezza e libertà, e Napoli, per cui Minniti ha garantito che “lo Stato è presente e non mollerà mai” (TGCOM).

Notizie del giorno: Il ministro Minniti

Notizie del giorno: Il ministro Minniti

Notizie del giorno: Ius soli

La legge sullo ius soli ha conosciuto ieri al Senato l’affossamento definitivo. Il dialogo non è nemmeno cominciato a causa della mancanza del numero legale, dopo la richiesta di verifica del leghista Calderoli. Tra le assenze si contano quelle in blocco di M5S (35 senatori su 35) e di FI (6 presenti su 43), ma anche il Pd, che ha tentato in precedenza l’approvazione, ha mostrato diverse defezioni, con quasi 29 assenti sui 98 senatori totali (ANSA).

Nei dem si sono contate assenze illustri, come quelle dei ministri Minniti e Pinotti o di importanti personaggi tra cui Nicola La Torre, Vannino Chiti e Pietro Ichino. Un episodio che ha innescato una polemica interna tra chi si è giustificato con altri impegni, sottolineando l’inesorabile mancanza dei voti per l’approvazione, e chi ha attaccato gli assenti.

Il presidente del Senato Pietro Grasso ha poi formalmente convocato i prossimi lavori per il 9 gennaio, data in cui le camere dovrebbero già essere sciolte.

 

Più informazioni su