RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Repubblica Roma prima pagina – 26 gennaio 2016

Più informazioni su

Repubblica Roma prima pagina – 26 gennaio 2016

Repubblica Roma prima pagina – 26 gennaio 2016

Repubblica Roma prima pagina – 26 gennaio 2016.

“Aiuto, c’è un uomo con un fucile”. Panico a Termini, ma l’arma è finta. Flop sicurezza: è andato dalla metro Jonio alla stazione fino ad Anagni senza mai essere fermato > Scatta l’emergenza terrorismo a Termini. In serata arrivano diverse segnalazioni: «C’è un uomo armato di fucile». La stazione piomba nel terrore, la folla fugge, i convogli si fermano, gli accessi bloccati. L’uomo nel frattempo raggiunge Anagni indisturbato.

Nomine, 3 indagati nello staff di Marino. Gli ex assessori della giunta guidata Marino Marta Leonori, Alessandra Cattoi e Giovanni Caudo sono indagati dalla procura di Roma per abuso d’ufficio nell’inchiesta sulle presunte nomine irregolari. Oltre a loro figurano gli ultimi due sindaci, Gianni Alemanno ed Ignazio Marino e il suo collaboratore in Campidoglio, Mattia Stella. Al centro di un’informativa della Guardia di finanza inviata ai magistrati ci sono presunte designazioni irregolari per ricoprire ruoli di vertice in comune, dirigenti, capi dipartimento, membri dello staff, eseguite dalle ultime due giunte targate centro destra e centro sinistra.

“Rifiuti, smaltimento troppo caro”. Ama vince la causa con Cerroni. Il consiglio di stato ha dato ragione ad Ama. La tariffa di 99,14 euro a tonnellata, stabilita nel settembre 2011 dalla Regione come corrispettivo a Cerroni per il trattamento dei rifiuti indifferenziati, è eccessiva. Cerroni, attualmente sotto processo per associazione a delinquere, dovrà pagare le spese processuali pari a 8.000 euro. Ama si salva dal rischio di dover corrispondere a Cerroni arretrati per 10 milioni di euro dal 2013, e 20 milioni di euro tra il 2011 al 2013.

Caos tra i binari Ferrovie: “Così abbiamo evacuato lo scalo”.
Tour in città lungo la scia di profumo dei dolci.
Crollo al Flaminio è guerra di perizie.
L’Atac “promuove” chi non parla inglese.

Più informazioni su