RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Salvini, Renzi discuta di economia e ci saremo

Più informazioni su

Matteo Salvini

Matteo Salvini

Cosi’, il segretario della Lega Nord Matteo Salvini, intervistato da Repubblica, apre al premier all’indomani del giorno dell’ Aventino. “Il nostro no al nuovo Senato non e’ come quello di Grillo, se Renzi dovesse scendere dal trono ed accogliere qualche nostra proposta in materia economica, noi ci saremo e potremmo anche tornare a Palazzo Madama”.  

Spiega perche’ ha ordinato ai parlamentare leghisti di disertare le sedute: “quello che accade in Senato e’ surreale. Ci si accapiglia sulla nuova composizione dell’Assemblea e sulla legge elettorale, ma queste cose non cambiano certo la vita della gente. Il problema vero e’ la disoccupazione”. E alla domanda se quella dell’Aventino sia una scelta definitiva, risponde: “a meno che Renzi non ci stupisca”.

“Lo sfido – dice il segretario – ad accogliere una proposta sulla quale sarebbe d’accordo la totalita’ dei sindaci del Pd: basta col patto di stabilita’, tolga dalla Costituzione il vincolo di bilancio per i Comuni. E rinunci a innalzare a 800mila il numero di firme necessario per chiedere i referendum abrogativi”. Forza Italia? L’allargamento del solco tra il partito azzurro e la Lega “e’ inevitabile. Berlusconi – continua Salvini – prima manda una lettera interessante, parla di riunire il centrodestra. E poi in Senato i suoi votano con il centrosinistra. Ognuno per la sua strada, la Lega non ci sta”.

Più informazioni su