RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

AMBIENTE, AVENALI (PER IL LAZIO): “PIANO ENERGETICO E AGENDA VERDE DUE PASSI STRATEGICI PER IL FUTURO”

Più informazioni su

Cristiana Avenali

Cristiana Avenali

“L’accordo firmato questa mattina dimostra che si vuole seguire concretamente la strada della green economy per andare verso una crescita sostenibile come risposta alla crisi economica. La Regione si sta impegnando per favorire un sistema innovativo di sviluppo, nel rispetto dell’ambiente e del risparmio energetico”.

Lo dichiara Cristiana Avenali, Consigliera Regionale del Gruppo Per il Lazio, in una nota.
Un settore in crescita, quello delle Imprese Green del Lazio: secondo i dati dell’ultimo rapporto GreenItaly, pubblicato recentemente da Unioncamere e Fondazione Symbola, nel Lazio ci sono più di 28.000 aziende verdi, e la Provincia di Roma è prima in Italia per numero di imprese Green. “Oltre ad un approccio green alla produzione – ricorda Avenali – queste aziende garantiscono il 9,1% delle assunzioni non stagionali previste nel 2013: sempre più, quindi, le tematiche ambientali diventano protagoniste del rilancio dell’economia.
Il lavoro che il Presidente della Regione sta facendo insieme all’Assessore all’Ambiente Refrigeri è importante, nella giusta direzione per garantire alla Regione Lazio un posto di primo piano nell’innovazione dell’economia, dell’amministrazione e dell’approccio verso le tematiche ambientali che riguardano la qualità della vita delle persone.I prossimi passi con l’approvazione di un nuovo Piano Energetico Regionale, ed il lancio entro dicembre dell’Agenda Verde – conclude – saranno strategici ai fini dei futuri investimenti da effettuare con la Programmazione dei Fondi Europei 2014-2020, e qualificheranno l’impegno del Lazio in settori come la mobilità, i rifiuti, la promozione delle aree protette e dei parchi, per un sistema regionale sempre più attento ad uno sviluppo sostenibile dal punto di vista ambientale, umano ed economico, opportunità che questo governo regionale non può non cogliere”.

Più informazioni su