Quantcast

L’assessore Rosati presenta il bilancio in consiglio

Più informazioni su

    Ai 43,3 milioni di euro di tagli statali, la Provincia di Roma risponde con un bilancio fatto di riduzione del costo del personale di 5 milioni di euro, meno oneri finanziari grazie all’abbattimento del debito pari a 2 milioni di euro, riduzione di tre milioni della spesa corrente per consumi intermedi come il parco macchine, variazione ‘una tantum’ dell’aliquota Ipt (imposta provinciale di trascrizione che si paga al momento dell’ acquisto di una vettura) nella misura del 10% e investimenti per 26,7 milioni di euro. Sono questi i pilastri della manovra 2012 della Provincia di Roma illustrato dall’assessore al Bilancio, Antonio Rosati.
    A causa della contrazione delle risorse, la spesa corrente è stata rimodulata garantendo 3 milioni di euro in più rispetto all’iniziale 2011 per gli edifici scolastici, 2,3 in più per strade e viabilità, 4,2 in più per sociale e welfare e 6 milioni per l’ emergenza neve del febbraio 2012, 3,5 per bandi su sicurezza e centri anziani, e risorse per differenziata e per Porta futuro.
    “Nel nostro piccolo – ha affermato l’assessore Rosati – in un momento di crisi con tagli per 43,3 milioni di euro siamo riusciti a coniugare risanamento, equità e sviluppo”. L’assessore Rosati ha anche ricordato che nel 2011 “sono stati saldati tutti i fornitori con tempi medi di 29 giorni per la spesa corrente e di 59 giorni per la spesa in conto capitale”.
    Dal 2008 al 2012, ha sottolineato ancora l’assessore, c’è stato un abbattimento del debito per circa 184 milioni di euro, risparmi per oneri finanziari per circa 12,8 milioni, recupero di economie da mutui per circa 109 milioni, una riduzione delle spese per il personale per circa 8,7 milioni, da 154,6 a 145,8. A fronte di tutto questo, c’è un piano degli investimenti di 533 milioni di euro che per il 2012 saranno di 26,7 milioni.

    Più informazioni su