RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Lazio. Ok da commissione a indirizzi per concessione contributi a confidi agricoli

Più informazioni su

Via libera, all’unanimità, dalla commissione Agricoltura agli indirizzi per la concessione dei contributi in favore dei confidi agricoli. Il relativo schema di delibera torna ora in Giunta per l’approvazione definitiva. “Con questo parere positivo – osserva il presidenteFrancesco Battistoni (Pdl) – la legge approvata lo scorso marzo (legge 3/2011 “Interventi in favore di organismi di garanzia collettiva dei fidi nel settore agricolo”) è pienamente applicabile e il settore agricolo può ricevere un concreto sostegno”. L’atto fissa i principali criteri applicativi della normativa regionale. In particolare, vengono stabiliti: il numero minimo di imprese agricole aderenti al consorzio fidi, la misura dei contributi, i criteri di ammissione delle domande e le modalità di erogazione dei contributi, la priorità nell’erogazione, i criteri cui devono attenersi i consorzi nell’erogazione delle garanzie e nell’attività di consulenza, gli obblighi dei confidi verso la Regione e le modalità per i controlli sulla corretta utilizzazione dei contributi. La legge regionale prevede uno stanziamento di un milione di euro a favore degli organismi di garanzia collettiva dei fidi per ciascun anno, dal 2011 al 2013. Erano presenti i consiglieri Gina Cetrone (Pdl), Rodolfo Gigli (Udc),Angelo Miele (Lista Polverini),Giuseppe Parroncini (Pd), Ivano Peduzzi (Fds) eMario Perilli (Pd).

La commissione ha inoltre tenuto questa mattina un’audizione sulle modalità di applicazione della “misura 511” (servizi di assistenza tecnica inerenti il Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 della Regione Lazio), richiesta dal vicepresidente della commissione Mario Perillie dal consigliere Angelo Bonelli (Verdi). Nel corso della seduta è emersa, in particolare, la questione della scadenza contrattuale di 17 unità di personale non prorogate. Presenti l’assessore all’agricolturaAngela Birindelli, il presidente dell’Arsial Erder Mazzocchi e il direttore regionale Roberto Ottaviani.

L’assessore Birindelli ha spiegato che della complessiva dotazione finanziaria in carico alla “misura” (24 milioni di euro) sino ad ora sono stati spesi solo 4 milioni, ma che il rischio di disimpegno della somma restante si verificherà soltanto al termine del periodo di validità del PSR, cioè nel 2013. Ha poi ricordato che il bilancio 2011 dell’Arsial – incaricata già dalla precedente amministrazione di dare seguito alla “misura” – presenta un disavanzo di 10 milioni di euro e non è stato approvato. Essendoci perplessità, quindi, sulla reale capacità dell’Agenzia di anticipare somme si è ritenuto necessario sospendere temporaneamente la “misura”: “Nei prossimi mesi sarà concordato un piano di rientro e di rilancio dell’Arsial. Solo allora potremo riattivare una misura che riteniamo importante a sostegno del PSR”. Il vicepresidente Perilli ha domandato quale sia la politica dell’assessorato rispetto all’Arsial: “Non sono convinto che il disimpegno delle somme non avvenga automaticamente. Temo che questi fondi andranno perduti e ritengo un errore non prorogare i contratti delle 17 alte professionalità”. Chiesta, sempre dal consigliere Pd, la convocazione di una seduta di commissione in cui l’assessore possa chiarire “con quali fondi si intende sostenere l’agricoltura nel 2012”.

Gina Cetrone ha sollecitato una maggiore collaborazione tra commissione e assessorato “per pianificare insieme il programma di sviluppo del settore agricolo” ed ha chiesto “maggiore sostegno alle imprese agricole e snellimento delle procedure burocratiche”. Chiarimenti sono stati chiesti da Bonelli sui rapporti tra la direzione dell’Assessorato e Arsial, che ha una propria autonomia. Bonelli ha invitato il presidente Arsial a prorogare i lavoratori, sottolineando che si stanno mettendo a rischio i fondi. Ivano Peduzzi, anche lui per la proroga, ha inoltre chiesto di mettere all’ordine del giorno della commissione la legge di riordino dell’Arsial e, entro marzo, “un programma che definisca ruolo e potenzialità che l’Arsial può svolgere per il mondo agricolo”. Giuseppe Parroncini ha chiesto la proroga dei contratti per consolidare le competenze acquisite e di ragionare sul patrimonio, le risorse e le competenze dell’Agenzia.Rodolfo Gigli, infine, ha suggerito di dedicare alcune sedute della commissione ai problemi dell’Agenzia.

Sulla necessità di ridefinire la mission si è detto d’accordo il presidente Mazzocchi: “Però bisogna tener presente l’excursus economico degli ultimi anni. Le attività si portano avanti se ci sono le risorse”. Birindelli ha tenuto a precisare che non c’è intenzione da parte dell’assessorato di “mettere sotto tutela” l’Arsial o di smantellarne l’operatività: “L’assessorato vuole esercitare il potere di controllo e vigilanza previsto dalla legge, pertanto nelle more degli approfondimenti che si sono resi necessari dopo aver accertato il deficit di bilancio di 10 milioni di euro, si è ritenuto doveroso sospendere un’attività, come quella della “misura”, che prevede bandi”. Ha poi precisato che “faremo le proroghe se avremo gli strumenti legislativi che ce lo permetteranno”.

“La discussione di oggi è stata importante perché ci ha permesso di capire meglio quello che è successo – ha detto in conclusione il presidente Battistoni – Credo che la situazione meriti un’attenta valutazione. Dedicheremo sicuramente altre sedute ad approfondire le questioni che interessano l’Arsial”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RomaDailyNews, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.