RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Olevano Romano – Distretto Socio Sanitario G4. Il Comune rischia di perdere il ruolo di capo fila

Più informazioni su

Olevano Romano – Distretto Socio Sanitario G4. Il Comune rischia di perdere il ruolo di capo fila.


Riccardo Rocchi: “L’incapacità della Giunta Mampieri ci sta portando un grave danno”

Ad un anno dalle elezioni amministrative di Olevano Romano, il Comune della Valle dell’Aniene attraversa una fase di stallo totale ed inaccettabile.  La lista civica “Cittadini per il cambiamento”, in cui é stato eletto l’attuale Sindaco Marco Mampieri, sembra avere l’unico scopo di rappresentare l’antipolitica, trascurando qualunque iniziativa costruttiva. «Ne sono un  esempio -dichiara Riccardo Rocchi, Capogruppo dell’opposizione e rappresentante locale dell’UDC- le voci che si rincorrono  sul rischio concreto che corre il Comune, di perdere il ruolo di capo fila del Distretto Socio Sanitario G4. Ciò poiché la giunta comunale sta dimostrando un’incapacità totale nella gestione di un progetto cosí importante, fortemente voluto dalle istituzioni sovra-comunali, che in passato ci ha visti protagonisti ma che ora rischia di vederci relegati solo in un ruolo marginale. Quest’amministrazione – continua Rocchi- sta mostrando di avere dei gravi limiti legati soprattutto ad un settarismo che le impedisce di dialogare con la Regione Lazio, con la Provincia e con qualsiasi forza politica del territorio. É un atteggiamento che tradisce un tipico intento di antipolitica, (pericolo delle prossime elezioni), di cui a fare le spese, se non s’interviene con urgenza, saranno solo i cittadini. Perché si potrà pure avere una nuova e giovane classe dirigente, ma del tutto incapace e animata solo da una visione autoreferenziale della politica». Dopo un anno dall’elezione di Mampieri, infatti, le promesse fatte durante la campagna elettorale non sono state mantenute: non c’è una politica sull’urbanistica, non vengono realizzate opere pubbliche (si veda il progetto della piscina comunale che non è stato completato). «Non c’è proprio la politica» aggiunge Rocchi. «Ne è un esempio evidente –prosegue- il fatto che anche il Consigliere comunale della lista “Olevano con noi”, Giulio Riccardi,  sia completamente sparito dalla scena politica. Non presenzia alle riunioni del Consiglio e non partecipa in generale alla vita politica del paese. In una situazione di questo tipo, mi sento di dire a tutti i cittadini che alle scorse elezioni hanno sostenuto Riccardi, che sono pronto a farmi carico, in prima persona, delle loro istanze ormai non più rappresentate». I cittadini nei prossimi mesi, tra l’altro, subiranno il peso di una fortissima tassazione rappresentata dalla nuova IMU, da quanto dovuto per i rifiuti solidi  urbani e da un aumento, ormai certo, di tutte le tasse comunali, vista la politica economica dell’amministrazione che ad oggi non è stata ancora in grado di presentare neppure una bozza di bilancio. Volendo scongiurare il pericolo che le conseguenze di tutta questa situazione ricadano ancora una volta sulla cittadinanza, Rocchi conclude facendo un appello a tutte le forze responsabili: «Uniamoci quanto prima seguendo l’esempio di ciò che avviene a livello nazionale. Troviamo un compromesso per risolvere l’inefficienza di questa amministrazione e chiediamo le dimissione di questa giunta,  per ripartire subito verso  un percorso costruttivo di crescita del paese. Mi rivolgo anche al PD, che presto terrà  un convegno sui servizi sociali, affinchè prenda una posizione precisa, come quella già presa dall’UDC. Mi auguro che riconosca che  le responsabilità dell’eventuale perdita del progetto del Distretto Socio Sanitario G4, non sono attribuibili alle istituzioni sovra-comunali ma solo all’inadeguatezza e all’inefficienza di una Giunta che era stata votata dai cittadini per “cambiare” e che, invece, sta portando il paese verso il baratro».

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RomaDailyNews, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.