Sciopero Tir, Cia Lazio: “Stiamo seriamente pensando anche noi alla mobilitazione generale”

Più informazioni su

    «Stiamo seriamente pensando anche noi alla mobilitazione generale, ma questo solo qualora il governo dovesse continuare ad ignorare le nostre richieste. Attendiamo, anche perchè se scendessimo in piazza oggi andremmo unicamente a rinforzare il fronte di chi si oppone alle liberalizzazioni che, invece, sono le benvenute». Lo sostiene in una nota il presidente della la Cia Lazio, Alessandro Salvadori, intervenendo sullo sciopero dei tir in corso da ieri sera nel Frusinate con centinaia di mezzi pesanti fermi vicino ai caselli dell’A1. «Nelle assemblee che nell’ultima settimana abbiamo avuto in tutto il Lazio – aggiunge Salvadori – si avverte forte la tentazione di scendere in strada e protestare. Insomma, la voglia di protestare c’è tutta, perchè non sono ancora arrivati ancora aiuti o leggi a sostegno dell’agricoltura, ma aspettiamo ancora qualche giorno, in attesa che il governo ci invii un segnale di attenzione. Nulla contro il fermo dei tir, ma è chiaro che anche il blocco dell’autotrasporto danneggia gli agricoltori. Raccogliere ortaggi, frutta e verdura per poi vederli deperire sui cassoni dei camion non è certo incoraggiante». Secondo Ettore Togneri, vicepresidente vicario della Cia di Frosinone, «lo sciopero è la forma più forte di rivendicazione dei diritti, dunque guardiamo al fermo dell’autotrasporto con attenzione e rispetto, pur consapevoli dei disagi e dei danni».

    Più informazioni su