RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

SIGMA TAU Peduzzi-Fiorella(Prc/Fds): “Ipotesi di accordo carente”

Più informazioni su

“Dopo39 giorni di lotta con sciopero a scacchiera e un presidio permanete davanti aicancelli della fabbrica, i lavoratori della Sigma Tau oggi stanno svolgendol’assemblea generale sull’ipotesi di accordo raggiunta tra l’azienda e le OoSs”.Lo rendono noto il capogruppo della Federazione della Sinistra alla RegioneLazio, Ivano Peduzzi e il responsabile Lavoro del Prc, Claudio Fiorella.

“Unalotta esemplare – proseguono – sostenuta da una grande solidarietà di forzesociali e politiche, dalle fabbriche e dai cittadini del territoriocircostante. Una lotta che ha resistito a tutte le avversità, compreso il geloe la neve, grazie anche agli stand soprannominati “sala Tau” che RifondazioneComunista ha allestito fin dal primo giorno, fornendo ininterrottamente pasticaldi, solidarietà attiva e confronto politico con tutti coloro che lo hannocercato. L’incontro più seguito è stato quello con il segretario nazionale diRifondazione Comunista, Paolo Ferrero”
“Dall’ipotesi di accordo – affermano – emergeun punto moto carente cioè la mancata difesa dell’occupazione. Sono ancoraincerti gli esiti degli accertamenti che gli organi di competenza svolgonosulla crisi dichiarata dalla proprietà aziendale, che a tutt’oggi nonconsentono l’erogazione della cassa integrazione. Incerto è anche il futuroproduttivo della fabbrica di Pomezia e del permanere in Italia delle attivitàSigma Tau, proprio a seguito dello smantellamento del settore della ricercainterna e del taglio notevole degli informatori scientifici, nonché la forteriduzione del personale di produzione dello stabilimento di Pomezia. Il governodel Paese, nella figura del ministro dello Sviluppo, in questa trattativa nonha svolto il ruolo che l’esigenza del rilancio del settore chimico farmaceuticorichiede, di cui sigma Tau è un’azienda leader. Solo attuando politiche disostegno si può recuperare produzione e occupazione, che nello specifico significariportare in fabbrica i 450 lavoratori già sospesi, in attesa di cassaintegrazione. Altro che tutela occupazionale. L’assemblea dei lavoratori ancorain corso – concludono – probabilmentesarà aggiornata per valutare bene l’esito della trattativa e le eventuali migliorieda introdurre. Rifondazione Comunista, in attesa della decisione che emergerannodall’assemblea, conferma il proprio sostegno fino al raggiungimento degliobiettivi dei lavoratori”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RomaDailyNews, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.