Terracina, Di Natale (La Destra): “Villani senza coraggio”

Più informazioni su

    “Indecoroso lo spettacolo che si è presentato agli occhi dei presenti all’incontro avvenuto nella Sala Valadier, dove il Capogruppo di Città Nuove locale, insieme ai colleghi del Pd e Sel, hanno allestito un vero talk show raccapricciante”. Lo dichiara Gianluca Di Natale, Dirigente Nazionale e Segretario Cittadino de La Destra di Storace, il quale aggiunge: “Tralasciando che il luogo, dove è stato organizzato l’incontro, è categorizzato per eventi socio-culturali e didattici, non per spettacoli televisivi, le tematiche trattate sono state di scarsa conoscenza da parte degli oratori come l’ex Terracina Ambiente S.p.a., confermandosi di far parte di una politica becera, basata sul ciarlare e non sull’onestà degli avvenimenti, quella politica che soprattutto i terracinesi non ha premiato nelle scorse amministrative. L’aspetto più simpatico del ‘Consiglio Comunale in Ombra’ – sottolinea Di Natale – è come faccia Domenico Villani, Capogruppo di Città Nuove locale, ad avere una visione comune di governabilità del Paese con partiti di Centrosinistra, tanto è vero che Renata Polverini, Governatrice del Lazio, e Stefano Zappala’,Assessore Regionale, sono stati attaccati per il taglio dei fondi al turismo locale, ma il fattore più scandaloso è stato il mancato coraggio del Capo gruppo locale del movimento della Polverini, il quale non ha preso nessuna difesa dell’amministrazione regionale dove forse lui dovrebbe fare riferimento? Inoltre è stato impedito a La Destra – continua il Dirigente – di intervenire al talk show che è stato organizzato, in difesa dell’operato dell’amministrazione regionale, dove è inconcepibile che una televisione locale, che percepisce fondi pubblici, possa continuare a divulgare informazione con comportamenti anti-democratici. La campagna elettorale è terminata da tempo, il Popolo di Terracina ha premiato la professionalità ed i temi della coalizione che ha permesso a Nicola Procaccini di guidarel’amministrazione locale, non è arrivata forse l’ora che il Capigruppo Villani sidistacchi da una politica filosovietica e cominci a proporre soluzioni concrete e non propagandistiche per le criticità della città? Oppure il rappresentantein Consiglio Comunale della Polverini hala bacchetta magica?”, conclude Di Natale.

    Più informazioni su