Quantcast

Encanto – Recensione del 60° classico Disney!

Più informazioni su

Encanto

La famiglia Madrigal sembra una famiglia felice e stravagante, ricca di…super poteri! Siete pronti a scoprire cosa si nasconde dietro questa colorata e divertente famiglia colombiana?

In un villaggio nascosto tra le montagne vive, in una casa magica, una famiglia speciale. I membri di questa famiglia, infatti, ricevono da bambini un potere specifico in dono dalla casa, grazie ad una candela magica che la capostipite dell’intera famiglia mantiene in vita sin dalla sua gioventù. Solo una Madrigal, Mirabel, non ha rispettato il percorso familiare e non ha ricevuto nessun potere. Ma ben presto si renderà conto che essere normale in una famiglia “magica” può renderla molto più speciale di chiunque altro.

Il 60° classico della Disney è un film d’animazione colorato e musicale, nonostante patisca un po’ la struttura da musical e finisca per ritrovare proprio nelle canzoni uno dei suoi principali punti deboli.

Ma andiamo per ordine, Ecanto è un bel film. Un cartone animato semplice, diretto, non eccessivamente lungo o complesso. Che non cerca il colpo di scena a tutti i costi e non ha paura della sua struttura “normale”. Proprio come la sua protagonsita è una pellicola senza super poteri ma con grandi sentimenti, e riversa in questi tutta la sua forza attraverso la scrittura. Una scrittura che priva il film di un elemento solitamente centrale nel viaggio degli eroi Disney e cioè un cattivo. Non ci sono antagonisti in Encanto e l’unico nemico è il pregiudizio, il poco dialogo, la superficialità nei rapporti familiari…insomma problemi che non sono lontani da quelli che si possono riscontrare in qualsiasi famiglia. Trovata originale ma che potrebbe spaesare alcuni spettatori.

Esteticamente siamo di fronte ad un film pazzesco, più volte durante la visione mi sono ritrovato ad esclamare meraviglia per la realizzazione grafica di tessuti, capelli e dettagli. Incredibile come tecnicamente i classici Disney continuino a crescere pur avendo già raggiunto un livello incredibile.

La colonna sonora è allegra e ritmata e alcune canzoni vi obbligheranno a scuotere i fianchi a ritmo di musica canticchiando…ma nulla di più. Ok, direte voi, non sembra male. E non lo è, ma manca purtroppo quella canzone che canti e ricanti, quel ritornello che non riesci a farti uscire dalla testa, quel brano da classico Disney di cui abbiamo plurimi esempi nella storia recente e meno recente, che da un film così fortemente musicale mi aspettavo sinceramente di trovare. Questo anche perché le canzoni hanno una chiara struttura da musical, che porta avanti in maniera didascalica la trama attraverso le canzoni che finiscono per divenire dei veri e propri dialoghi con sottofondo musicale! Spesso costretti a inserire troppe parole in un unico verso e lasciando un po’ perplessi.

Tolto questo particolare, comunque, siamo di fronte ad un classico Disney molto buono, gradito regalo di Natale per gli utenti di Disney+ su cui è disponibile per tutti gli abbonati dal 24 dicembre!

Più informazioni su