Quantcast

Luca – Recensione del nuovo film Disney Pixar!

Più informazioni su

La Pixar sbarca in Italia con una favola dolce e leggera come la brezza marina. Luca sbarca direttamente su Disney+ per tutti gli abbonati ed è pronto a farci tornare bambini

Luca è un giovane mostro marino, educato e ligio agli insegnamenti dei suoi genitori porta “al pascolo” ogni giorno il suo gregge di pesciolini, ma il mondo in superficie lascia cadere spesso delle testimonianze della vita fuori dall’acqua. Oggetti troppo curiosi ed affascinanti per non catturare l’attenzione di Luca…e di Alberto, che vive da solo in una torre sulla terraferma utilizzando tutti gli oggetti che raccoglie sul fondo del mare. Tra i due l’amicizia nasce spontanea e travolgente sognando una Vespa su cui scoprire il mondo ma i loro sogni porteranno i due ragazzi a decidere di visitare la città più vicina, Portorosso, tra i pericoli e le meraviglie di un mondo per loro tutto nuovo.

Il nuovo film Disney/Pixar è una lettera d’amore alla semplicità. Tutto nell’avventura dei piccoli mostri marini è delicato e lineare, senza che questo risulti in alcun modo un difetto ma anzi finendo per essere il principale punto di forza della pellicola diretta da Enrico Casarosa. Si perché non c’è niente di sorprendente, nessun colpo di scena inaspettato, nessun incredibile pericolo. C’è solo la storia di due ragazzi e della loro scoperta dell’amicizia tra pregiudizi e scoperta del diverso.

Il regista italiano ed il suo team hanno fatto una lavoro eccelso nel rievocare un’Italia anni 60, sospesa nel tempo, come in una bolla in cui le canzoni di Gianni Morandi risuonano dalle radioline in piazza, in strada sfrecciano colorate Vespe e le mura della città sono tappezzate da manifesti di futuri classici della cinematografia internazionale.
La storia, come dicevamo, non ha niente di “grande” in sé ma è nei semplici ed intimi concetti che si sviluppa, riportandoci a vivere l’emozione dell’estate passata in paese prima di tornare nelle grandi città per ricominciare a studiare. Tutta la gioia delle estati spensierate in piazza tra biglie, gelati, canzoni e corse in bicicletta con i nostri amici del cuore è perfettamente rievocata da Luca rappresentando, a conti fatti, il vero cuore pulsante del film.

Tecnicamente come sempre il lavoro è eccelso e i giochi di luce con l’acqua lasciano sempre a bocca aperta per la veridicità con cui gli animatori Pixar riescono ormai a ricreare l’effetto di qualsiasi materiale a schermo.

Questa volta non sono le lacrime ad accompagnarci nella visione ma piuttosto una certa malinconia, da bambini cresciuti, per quel periodo della vita di tutti che non vivremo più…o almeno così pensavamo prima dell’uscita di questo film che ci permetterà di rituffarci in quel magico momento della vita semplicemente premendo play.

 Voto: 8

Luca Silvestri

 

Più informazioni su