RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Al Teatro Tor Bella Monaca Gaspare Nasuto, l’arte dei burattini napoletani

Più informazioni su

Al Teatro Tor Bella Monaca Gaspare Nasuto sarà protagonista, domenica prossima,in «Pulcinella e l’asino del diavolo’», spettacolo di burattini denso di emozionante magia che farà sognare grandi e piccoli. Sul palcoscenico cinque secoli d’Arte dei burattini napoletani ridisegnati con potenza, innovazione, ma soprattutto con fedeltà alla tradizione di Pulcinella: le Guarattelle, antica forma di burattini a guanto nata a Napoli intorno al 1500. Una miscela esplosiva di tradizione e sperimentazione per narrare del sortilegio di una vecchia strega che invoca il demone Serpentone, in una fredda notte d’inverno, quando il vento e la pioggia sembrano lottare per la conquista del cielo. Dopo una vita trascorsa tra fatture e malocchi, la vecchia sente avvicinare la morte e da qui la voglia di carpire al diavolo il segreto più misterioso: l’immortalità. Pulcinella, immortale per natura, si ritroverà catapultato in una divertente storia di poveri diavoli che lo vedrà trasformato in asino e spedito all’inferno per sancire un tremendo patto. La trasformazione di Pulcinella in asino sarà visibile in scena, dando allo spettacolo un’ulteriore carica magica. Burattinaio, autore, regista, scultore, Gaspare Nasuto è considerato unico erede di Bruno Leone e grande conoscitore della tradizione napoletana di burattini, vero e proprio punto di riferimento per chiunque voglia avvicinarsi ai segreti delle Guarattelle napoletane, infatti fu il primo a trasformare lo schema orale delle Guarattelle in vero e proprio schema teatrale, tanto da essere considerato dalla critica un vero e proprio restauratore della maschera di Pulcinella versione burattino. Il suo percorso artistico, iniziato nel 1989, è incentrato sulla contaminazione della Tecnica della Commedia dell’Arte e della tradizione delle Guarattelle. La costruzione dei burattini finemente intagliati in legno di noce e ciliegio, la cura minuziosa dei teatrini, l’uso della Pivetta e l’arte sopraffina del movimento, rendono Gaspare Nasuto uno dei più grandi interpreti e autori di Pulcinella nel mondo. «Sono nato a venti minuti di distanza da Napoli – racconta l’artista – quando ero piccolo credevo che il teatro con le maschere fosse il Teatro, l’unico Teatro. Poi sono cresciuto e ho scoperto che quel Teatro era la commedia dell’Arte e non era l’unico; allora ho deciso di restare piccolo e continuare a giocare con le maschere e così Pulcinella, da venti anni, è il mio socio inseparabile in giro per il mondo»

Più informazioni su