RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Campidoglio: A settembre primi sensori Bluetooth per monitorare flussi pedonali

Entro l’anno saranno installati in 27 aree per “mappatura” Centro storico. Obiettivo: nuova progettazione zone 30 e isole ambientali

Roma – Monitorare i flussi pedonali e individuare le aree dove limitare traffico e smog per realizzare nuove isole ambientali e zone 30. Con questo obiettivo entro l’anno saranno installati sensori Bluetooth di ultima generazione su impianti semaforici per monitorare i tempi di percorrenza dei flussi pedonali e veicolari. Le prime operazioni partiranno entro settembre.

A oggi sono stati individuati 27 punti del Centro storico, dove saranno raccolti e analizzati i dati (Ara Pacis, Castel Sant’Angelo, Largo Argentina, Piazza Venezia, Colosseo, Trastevere, San Pietro, Circo Massimo, Flaminio).

“Con questi sensori avremo dati aggiornati per mappare intere aree del Centro storico e valutare possibili interventi di pedonalizzazione e isole ambientali. Numeri da cui partire per migliorare la vivibilità delle zone e garantire maggiore sicurezza a servizio dei cittadini”, dichiara la Sindaca di Roma, Virginia Raggi.

“In questi punti – spiega l’assessore alla Città in Movimento di Roma, Linda Meleo – avremo una mappa precisa dei flussi di traffico veicolare e pedonale, dati che serviranno anche per la nuova progettazione di isole ambientali e zone 30. L’idea è quella di aumentare gli spazi per i pedoni, puntando su aree maggiormente frequentate da cittadini e turisti della Capitale”.

“Le pedonalizzazioni sono uno strumento utile se ben governate e gestite, aumentano l’accessibilità e sono un’occasione di riqualificazione. Dopo l’avvio della sperimentazione della priorità semaforica su viale Trastevere che punta a ridurre i tempi di percorrenza dell’asse tranviario, questi sensori sono uno strumento in più per conoscere le abitudini dei cittadini e mettere in campo azioni strategiche”, aggiunge il presidente della commissione Mobilità, Enrico Stefàno.

E’ quanto si apprende da una nota del Campidoglio.