RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Civitavecchia, arsenico: divieto di utilizzo potabile ed alimentare per i bambini e per le gestanti

Più informazioni su

Limiti all’uso dell’acqua potabile per particolari categorie e piano per il rifornimento da fonti alternative della popolazione residente nelle aree interessate. Il Comune di Civitavecchia ha diramato la nota informativa relativa alle contromisure alla presenza di arsenico nell’acqua a uso potabile in alcuni quartieri della città. Pur non riscontrandosi concentrazioni tali da far scattare la non potabilità dell’acqua, l’Amministrazione, di concerto con l’Asl, ha infatti diffuso una nota nella quale chiarisce i limiti all’utilizzo, ribadendo anche tutte le zone interessate. Il fenomeno riguarda le aree servite dal Consorzio Medio Tirreno e quindi Borgata Aurelia-Agricasa, Carcere Aurelia, zona Ente Maremma, Pantano, Sant’Agostino, La Scaglia, zona Enel, area portuale, Zona Industriale, Cimitero Vecchio, Punton dè Rocchi, Santa Lucia, Cimitero Nuovo. Le concentrazioni di arsenico medie sono di 13/14 microgrammi per litro, valore di poco superiore al limite parametrico previsto per legge (10 microgrammi) e comunque inferiore alla soglia dei 20 microgrammi, oltre il quale scatta l’ordinanza di non potabilità. Pertanto, nei quartieri sopra elencati è possibile utilizzare l’acqua erogata per tutti gli usi potabili, domestici ed alimentari. Vige invece il divieto di utilizzo potabile ed alimentare per i bambini di età inferiore ai tre anni e per le gestanti: ciò vale sia per il consumo diretto che per la preparazione di alimenti. Inoltre, sono obbligate al rispetto dei limiti previsti dalla normativa le industrie alimentari che operano su quel territorio, ad eccezione di quelle di tipo artigianale, con distribuzione del prodotto in ambito locale. Riguardo la possibilità di ridurre la concentrazione dell’arsenico nell’acqua potabile, gli enti sconsigliamo i trattamenti a livello domestico, data la complessità delle tecnologie e la necessità di controllarne l’efficienza con analisi adeguati. Il Comune, la Asl e gli enti gestori hanno incrementato la frequenza dei controlli analitici sistematici per monitorare la qualità dell’acqua. Le zone interessate saranno rifornite con fonti di approvvigionamento alternative: innanzitutto, è possibile attualmente rifornirsi di acqua alle fontanelle pubbliche di via Galilei e via Terme di Traiano. Inoltre, a giorni saranno disponibili dei serbatoi mobili che erogheranno acqua in piazzale della Madonnina di Pantano, in via Brahms (zona Agricasa), a La Scaglia, in via Braccianese Claudia presso il Nuovo Cimitero e in via Sant’Agostino (adiacenze bar Mosconi). Il Comune provvederà alla distribuzione di acqua con caratteristiche conformi alla normativa vigente presso asili nido e scuole materne ubicate nei quartieri interessati.

Più informazioni su