RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Roma: Poliziotti sventano due suicidi

Un romano di 49 anni, a causa della fine della relazione con la compagna, ha scavalcato la ringhiera del balcone dell'appartamento dove vivevano insieme ed ha tentato di lanciarsi nel vuoto

Più informazioni su

Roma – Un 49enne romano, ricoverato al Policlinico Gemelli, ha telefonato al 112 NUE preannunciando la sua intenzione di farla finita. Quando gli agenti sono giunti sul posto, hanno immediatamente individuato la stanza al 9 piano del nosocomio.

Qui, seduto a cavalcioni sul davanzale della finestra, hanno trovato l’uomo che stringeva tra le mani un coltello da cucina e parte di una stampella utilizzati dallo stesso per minacciare i poliziotti e tenerli lontani da lui.

Gli agenti da subito hanno tentato di stabilire con lui un dialogo. Questo ha iniziato a raccontare di aver subito l’amputazione di un piede e di essere in attesa di un nuovo intervento chirurgico.

Stanco dei tempi di attesa però, aveva deciso di farla finita. Dopo qualche minuto di conversazione, quando si è reso conto della presenza dei vigili del fuoco l’uomo per poter fare leva con le mani sulla finestra si e’ disfatto del coltello e della stampella gettandoli a terra.

Cosi’ si e’ sbilanciato verso l’esterno per lanciarsi nel vuoto ma i poliziotti prontamente  si sono gettati verso di lui afferrandolo e rischiando loro stessi di cadere.  Messo in sicurezza e’ stato soccorso e affidato alle cure dei sanitari.

Due ore più tardi un uomo, anche lui romano di 49 anni, a causa della fine della relazione con la compagna, ha scavalcato la ringhiera del balcone dell’appartamento dove vivevano insieme ed ha tentato di lanciarsi nel vuoto.

Solo l’intervento repentino dei poliziotti, giunti sul posto a seguito della segnalazione di una lite tra la coppia, ha evitato il peggio. Afferrato per le gambe gli agenti l’hanno messo in salvo. Sul posto e’ stata fatta richiesta di personale sanitario che ha provveduto alle cure del caso.

Più informazioni su