RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Running a Roma: i consigli dell’esperto ‘salva articolazioni’ per prepararsi alla Deejay Ten di Roma

Più informazioni su

Qualche utile accorgimento “salva articolazioni” per affrontare l’allenamento e praticare running nel modo giusto

Roma – In Italia sono circa 6 milioni le persone che praticano running. Ben il 77% corre per tenersi in forma, il 76 % per rimanere in salute e il 61% per divertirsi1. Lo scorso anno, sono stati diecimila i partecipanti all’edizione romana della Deejay Ten, una tra le più amate e attese manifestazioni italiane di running, realizzata da Radio DEEJAY, che tornerà nella città di Roma per l’edizione 2018, il prossimo 25 novembre.

Per l’occasione Fidia Farmaceutici, parte di Fidia Pharma Group, nell’ambito del progetto Fidia per lo Sport, creato con l’obiettivo di sviluppare nuove soluzioni terapeutiche per chi fa attività fisica ad ogni livello, per aiutare gli sportivi nell’allenamento, nelle competizioni e per salvaguardare la loro salute, mette a disposizione di tutti i partecipanti alcuni preziosi consigli, dispensati dal Prof. Marco Bigoni della Clinica Ortopedica Università Milano-Bicocca Ospedale San Gerardo Monza (MB), utili a prevenire eventuali traumi di natura osteoarticolare e per allenarsi in sicurezza migliorando le performance.

«Quando si pratica running è importante stare attenti alle articolazioni, in particolare caviglia e ginocchio, e ai possibili microtraumi, causati da una eccessiva sollecitazione articolare, dal terreno sconnesso, da un riscaldamento insufficiente o da un trauma precedente – spiega il Prof. Marco Bigoni –La distorsione della caviglia, ad esempio, causata da una rotazione non controllata della pianta del piede, è uno gli infortuni più comuni. Un altro possibile inconveniente a cui vanno incontro i runner è l’acido lattico: quando non si è allenati è molto facile incorrere in crampi, dolori intensi e bruciori dovuti ad una eccessiva produzione di acido lattico a livello muscolare».

«Tutti questi fattori possono scoraggiare gli sportivi – prosegue il Prof. Bigoni – Per intraprendere e svolgere correttamente un’attività fisica come la corsa è fondamentale dedicare del tempo al riscaldamento muscolare, per favorire l’ossigenazione e l’elasticità dei muscoli, il riscaldamento di tendini e articolazioni, il miglioramento della circolazione. In alcuni casi inoltre può essere indicato supportare l’attività fisica con una integrazione alimentare adeguata, specifica per il benessere delle articolazioni. Per evitare infortuni è importante conoscere e rispettare i propri limiti, soprattutto quando si pratica sport a livello non agonistico. È quindi importante prendersi delle pause e rallentare il ritmo quando se ne sente il bisogno».

Fidia Farmaceutici, ha sviluppato inoltre un piccolo vademecum per i partecipanti della Deejay Ten, con alcuni suggerimenti per prepararsi al meglio alla competizione sportiva:

L’allenamento inizia a tavola: mangiare in modo equilibrato, garantendo un apporto significativo di vitamine e minerali (mangiando frutta e verdure fresche quotidianamente). Per chi fa uno sport che sollecita molto le articolazioni (come la corsa) è consigliabile preferire alimenti che hanno un effetto protettivo sulla salute articolare come i cereali integrali, il pesce, frutta e verdura di stagione; chiedendo consiglio al proprio medico o farmacista si può supportare la propria dieta con integratori alimentari specifici.
Il riscaldamento è importante: fare un buon riscaldamento muscolare prima di affrontare una gara o un allenamento, soprattutto in questa stagione, dove le temperature sono più rigide. Alcuni minuti di esercizi e di stretching permettono di aumentare l’ossigenazione e l’elasticità dei muscoli, di scaldare tendini e articolazioni e di migliorare la circolazione, ma anche di evitare tanti infortuni e di aumentare la resistenza alla fatica. È importante prevedere esercizi di stretching anche nella fase di rilassamento, al termine dell’allenamento.
Massaggi e stretching contro dolore e acido lattico: in caso di acido lattico massaggiare la parte dolorante e fare stretching per ripartire velocemente.

Fidia Farmaceutici sarà al fianco dei partecipanti con uno stand dedicato, dove sarà disponibile un test utile ad individuare le esigenze specifiche di ciascuno sportivo e i prodotti più indicati per il suo benessere durante la pratica sportiva, anche in questa stagione.

Lo stand Fidia sarà situato all’interno del Deejay Village, presso lo Stadio Nando Martellini (Terme di Caracalla), aperto sabato 24 novembre dalle 9.00 alle 20.00 e domenica 25 novembre dalle 7.00 alle 12.00.

«La partnership con Radio DEEJAY – ha dichiarato Amedeo Rampino Marketing Manager di Fidia Farmaceutici – è frutto dell’impegno di Fidia Pharma Group, da sempre vicina al mondo dello sport e impegnata nel supportare atleti ed appassionati a salvaguardare la propria salute nei loro allenamenti quotidiani e durante le competizioni».

 

Fidia Farmaceutici

Fidia farmaceutici, parte di Fidia Pharma Group, è un’azienda italiana fondata nel 1946, leader mondiale nella ricerca e sviluppo, produzione e commercializzazione di prodotti a base di acido ialuronico e suoi derivati, che hanno garantito al gruppo una leadership a livello mondiale nella viscosupplementazione.

Fidia Pharma Group, di cui Fidia farmaceutici è parte integrante, vanta un giro d’affari che si attesta su 300 milioni di euro, di cui oltre il 50% generato all’estero. L’azienda ha uno stabilimento produttivo e laboratori di Ricerca e Sviluppo ad Abano Terme (PD), dove ha sede la società, e un’ulteriore Unità di Ricerca specializzata a Noto, in Sicilia. Grazie ai suoi investimenti in ricerca, è riuscita a costruire una lunga tradizione di prodotti innovativi, con oltre 1100 brevetti al suo attivo, di cui oltre 700 a copertura dell’acido ialuronico con diversi pesi molecolari.

Pur mantenendo solide radici in Italia, il gruppo presenta una forte vocazione allo sviluppo internazionale, determinata dalla sua lunga tradizione di investimenti in ricerca e sviluppo di nuovi prodotti che distribuisce in oltre 100 paesi nel mondo, grazie a un consolidato network di partner e distributori operanti nel settore farmaceutico e biomedico, e a filiali commerciali situate in mercati strategici quali Stati Uniti, Germania, Spagna, Russia, Repubblica Ceca, Slovacchia Romania e Medio Oriente.

Più informazioni su