RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Vibo, omicida aveva presentato quattro denunce per danneggiamenti

Più informazioni su

La famiglia Vangeli aveva presentato quattro denunce per danneggiamenti di modesta entità negli anni 2007, 2008, 2009 e 2010 senza mai avanzare però sospetti espliciti contro la famiglia Fontana, sterminata ieri pomeriggio. È quanto hanno riferito gli inquirenti nella conferenza stampa che si è tenuta questa mattina dopo l’emissione di quattro fermi a carico di Ercole Vangeli, 44enne reo confesso dell’eccidio di Domenico Fontana e dei quattro figli a Filandari (ha consegnato agli investigatori la pistola calibro 9×21), del fratello Francesco Saverio di 54 anni (trovato in possesso della seconda pistola calibro 7,65 durante una perquisizione), del figlio di quest’ultimo Pietro (23 anni) e del genero Gianni Mazzitello (30). Tutti sarebbero stati presenti sulla scena del delitto. A dare indicazioni molto utili agli investigatori, riscontrate in tempo reale, è stato un romeno aiutante della famiglia Fontana nella masseria. La Procura di Vibo Valentia oggi stesso avanzerà al gip la richiesta della convalida del fermo e l’adozione della misura cautelare in carcere. «Le indagini tuttavia -ha precisato il capo dell’ufficio- non sono terminate»

Circa 40 bossoli di pistola sono stati trovati nella masseria di Filandari dove ieri pomeriggio sono stati uccisi Domenico Fontana (61) e i quattro figli Pasquale (37), Pietro (36), Giovanni (19) ed Emilio (32). Il numero elevatissimo di proiettili e il sangue in mezzo ai corpi ha portato il procuratore di Vibo Valentia, Mario Spagnuolo, a definire la scena «un teatro apocalittico». Il padre e due dei figli sono stati trovati fuori, vicino al Fiat Punto nera, mentre altri due erano nella masseria. Emilio non era ancora morto, però è deceduto subito dopo l’arrivo dell’ambulanza. Gli assassini hanno esploso due caricatori per ognuna delle due pistole usate, una calibro 9×21 che Ercole Vangelo, il reo confesso, ha consegnato alle forze dell’ordine, e una calibro 7,65 trovata nell’abitazione del fratello Francesco Saverio Vangelo.

Più informazioni su