Nas, sequestrati medicinali anti-Covid e oscurati 11 siti web

Più informazioni su

    Nas, sequestrati medicinali anti-Covid e oscurati 11 siti web –

    Sequestrati dai Nas all’aeroporto “Leonardo da Vinci” di Fiumicino, circa 23.500 capsule e 180 confezioni di flaconi, per un valore di circa 80mila euro, di specialità medicinali provenienti dal continente africano, di natura antibiotica e antinfiammatoria, antipiretica ad uso umano, utilizzati anche nella terapia anti COVID-19.

    Ad operare il rinvenimento e il sequestro della merce illegale sono stati i militari del Nucleo AIFA alle dirette dipendenze del Comando Carabinieri per la Tutela della Salute, con il supporto del Nas di Roma, nell’ambito del protocollo d’intesa per la costante attività di contrasto al traffico illegale di farmaci anti Covid-19.

    Il sequestro si aggiunge a quello effettuato nelle scorse settimane, sempre presso lo stesso scalo aeroportuale, di ulteriori 6.840 capsule e 66 confezioni di flaconi.

    I farmaci, trovati all’interno di bagagli di un cittadino africano, erano sprovvisti di idonea certificazione medico sanitaria, delle prescritte autorizzazioni ministeriali, talvolta anche privi dell’indicazione dei componenti dei principi attivi costituenti e della loro origine. Quindi farmaci definiti a tutti gli effetti falsificati e potenzialmente pericolosi per la salute pubblica.

    La grande mole di farmaci rinvenuti se somministrati avrebbero provocato anche numerosi effetti avversi soprattutto a livello cardiocircolatorio ed epatico.

    Contemporaneamente sono stati oscurati anche 11 siti sui quali venivano effettuate la pubblicità e l’offerta in vendita, anche in lingua italiana, di medicinali collegati a vario titolo all’emergenza pandemica da Covid 19. I siti oscurati, per lo più su server esteri e con gestori poco individuabili, pubblicizzavano anche i noti antimalarici, ritenuti anti Covid come la clorochina e l’idrossiclorochina, ma anche antivirali, il cui utilizzo è autorizzato solo per pazienti gravissimi e ricoverati oppure vietati in tutta l’Europa dall’Ema come il daclatasvir.

    Sequestrati, anche, antibiotici ed antinfiammatori ancora oggetto di studio sperimentale per la cura della Covid-19. Tra gli antinfiammatori offerti in rete l’indometacina, da somministrare solo sotto controllo medico e che, può provocare effetti collaterali gravissimi se preso senza autorizzazione medica.

    A lodare l’operazione dei Nas il Ministro della Salute Roberto Speranza che ha detto: “È importante tenere alta l’attenzione sulla sicurezza dei farmaci e sulla loro regolare distribuzione. Per questo voglio ringraziare i Nas – Comando Carabinieri per la Tutela della Salute per l’operazione, condotta in sintonia con il Ministero della Salute, di oscuramento di numerosi siti web che pubblicizzavano e vendevano in modo illegale presunti medicinali anti Covid-19. Su farmaci e terapie dobbiamo fidarci della serietà e competenza dei nostri professionisti sanitari e del SSN”.

    Rita Lena

    Più informazioni su