Uso antibiotici in periodo neonatale inficia crescita fino a sei anni

Più informazioni su

    Uso antibiotici in periodo neonatale inficia crescita fino a sei anni –

    Secondo uno studio pubblicato su Nature Communications, l’esposizione agli antibiotici, nelle prime settimane di vita, influirebbe negativamente sulla regolare crescita, peso ed altezza, dei maschietti fino all’età di sei anni, mentre per le bambine non ci sarebbe alcuna conseguenza.

    Omry Koren, coordinatore della ricerca, e colleghi, della Bar Ilan University, Safed, Israele, ipotizzano che questo effetto potrebbe dipendere da un’ alterazione dello sviluppo del microbioma intestinale del neonato.

    In effetti, già si era visto che l’uso degli antibiotici durante le prime settimane di vita altera la composizione del microbioma intestinale, ma non si conoscevano le conseguenze a lungo termine di questa esposizione nei bimbi piccolissimi.

    Gli scienziati hanno, quindi, voluto indagare sull’associazione tra la somministrazione di antibiotici durante il periodo neonatale (entro i primi 14 giorni dalla nascita) e il processo di crescita dei bambini, maschi, fino all’età di sei anni, studiando un campione di 12.422 bambini nati tra il 2008 e il 2010 a Turku in Finlandia.

    Facendo riferimento a tabelle di crescita, i ricercatori hanno scoperto che i maschietti, ma non le bambine, mostravano un peso e una crescita minori fino all’età di sei anni, rispetto al campione di bambini ai quali non erano stati dati antibiotici.

    Si è constatato, inoltre, che, fino all’età di sei anni, l’uso degli antibiotici influiva negativamente anche sull’indice di massa corporea che risultava maggiore sia nei maschi, che nelle femmine.

    Per verificare quanto osservato clinicamente, gli scienziati, in via sperimentale, hanno voluto trapiantare il microbiota fecale di neonati, sia quello esposto agli antibiotici, sia quello non esposto, in topolini privi di germi. E si è visto che i topi maschi, che avevano ricevuto il microbiota esposto agli antibiotici, 1 mese e 24 mesi dopo la somministrazione, avevano una crescita difettosa. Nessuno effetto è stato, invece, osservato sui topi femmine.

    Gli autori dello studio concludono che l’esposizione precoce agli antibiotici, si associa con cambiamenti a lungo termine nel microbioma intestinale, che si manifestano nei maschietti, fino all’età di sei anni, con una minore crescita.

    Rita Lena

    Più informazioni su