Coronavirus: i servizi offerti dalla Cooperativa Sociale Ambiente e Lavoro Onlus

Roma – La Cooperativa Sociale Ambiente e Lavoro Onlus, realtà romana che dal 2009 promuove azioni miranti a prevenire l’esclusione sociale collaborando con varie istituzioni per iniziative a sostegno delle fasce “deboli” della popolazione, continua con il suo lavoro costante sul territorio capitolino anche in emergenza covid 19.

Nel rispetto del dpcm e compatibilmente con le misure imposte di distanziamento sociale, la maggior parte dei servizi della Cooperativa sta continuando ad operare per garantire alimentazione, assistenza e supporto a tutte quelle persone che si trovano a vivere in una situazione di difficoltà economica e sociale, ancora più accentuata in questo periodo di isolamento.

Vediamo nel dettaglio in che modo e con quali servizi la Cooperativa supporta le persone in difficoltà nel periodo di lockdown.

Mensa Sociale, Emporio Solidale, Sostegno Sociale e pasti a domicilio

Dopo aver adottato tutte le misure e disposizioni necessarie, la Cooperativa ha continuato a garantire l’attività della “Mensa Sociale” per la distribuzione del pranzo dal lunedì al sabato. Il progetto, in convenzione con il Dipartimento Politiche Sociali di Roma Capitale, è gestito con l’Associazione Società San Vincenzo de Paoli e solitamente si svolgeva, all’interno dei locali della parrocchia SS. Redentore situati a Val Melaina in Via Gran Paradiso 51. In questo periodo il servizio è stato rimodulato nel seguente modo: i volontari preparano un box contenente il pasto da asporto e lo consegnano fuori dalla parrocchia, garantendo la distanza fra le persone.

Sempre nel III Municipio la Cooperativa sta effettuando a domicilio, per coloro che già usufruivano del servizio, la distribuzione di pacchi alimentari provenienti dall’Emporio Sociale. Quest’ultimo, situato all’interno del Parco della Cecchina, è un luogo dove, prima del lockdown, le persone in difficoltà socio economica trovavano in offerta dei beni alimentari e prodotti per l’igiene personale. Il progetto è sostenuto con i fondi Otto per Mille della Chiesa Valdese ed è nato con lo scopo di essere vicino a chi vive in povertà.  Il servizio di consegna a domicilio, in questo periodo, viene effettuato dal lunedì al giovedì dalle 9 alle 13 e il giovedì anche dalle 15 alle 17.

“Mangiare è un diritto” si legge sulla pagina della Cooperativa e, per questo, parallelamente alla mensa sociale e all’emporio nel III Municipio, prosegue anche il progetto “Sostegno sociale e pasti a domicilio” in altri quartieri di Roma. Questo servizio è stato ulteriormente rafforzato e consiste nella fornitura quotidiana di un pasto in grado di soddisfare le necessità alimentari individuali e nel monitoraggio delle condizioni di vita della persona che usufruisce del servizio. Il progetto è attivo nei Municipi X e XI e XII ed è finanziato, anch’esso, dal Dipartimento di Politiche Sociale del Campidoglio.

Accoglienza per persone senza dimora e in condizione di fragilità sociale

Sempre nella sfera dei “servizi primari”, la Cooperativa continua a tutelare, con il suo lavoro, i diritti inviolabili dei cittadini e per questo sta proseguendo l’assistenza per i senza dimora nel III e VIII Municipio. In quest’ultimo rimane aperto il Centro di Accoglienza situato a Piazzale Tosti, in zona Tor Marancia, che offre orientamento, dimora (e quindi ospitalità) ad alcune persone individuate da Roma Capitale ed inserite esclusivamente tramite la Sala Operativa Sociale, in collaborazione con la rete territoriale.

Proprio per fronteggiare l’emergenza covid-19, il Comune di Roma ha deciso di garantire il funzionamento del Centri di accoglienza del Piano freddo 2019-2020 prevedendone l’ampliamento dell’orario. Il Centro di Piazzale Tosti è quindi passato dall’accoglienza H15 a quella h24 proprio per aiutare le tante persone che non hanno una casa e per contrastare l’epidemia in corso, garantendo il diritto primario alla salute a tutti i cittadini. Lo stesso servizio viene garantito anche nel III Municipio dove, a via Gentiloni, rimane attivo, per tutto il giorno, il Centro di Accoglienza.

Anziani: la categoria più colpita dall’emergenza sanitaria

L’altra fascia della popolazione più vulnerabile al covid 19 è quella degli anziani. A loro è dedicato il Servizio di assistenza domiciliare S.A.I.S.A (Servizio per l’Autonomia e l’Integrazione Sociale della Persona Anziana) svolto dalle operatrici e dagli operatori della Cooperativa. Il servizio è rivolto appunto agli anziani soli o inseriti in un nucleo familiare che si trova in condizione di temporanea o permanente limitazione della propria autonomia e che necessitano di un sostegno a domicilio per quanto riguarda la cura, l’igiene personale, la gestione delle incombenze quotidiane e la socializzazione. La cura dell’igiene diventa ancora più fondamentale in questo momento di diffusione dell’epidemia e per questo la Cooperativa ha deciso di proseguire con il progetto, adottando tutte le misure di sicurezza. Il servizio svolto dalla Cooperativa è accreditato nei Municipi II, III e V.

I servizi nati con l’Emergenza sanitaria

Non si ferma, quindi, la macchina di solidarietà e assistenza messa in moto da assistenti sociali, socio sanitari, psicologi ed educatori della Cooperativa che, in questo periodo di forte crisi, ha anzi implementato alcuni servizi, ideandone anche alcuni ad hoc.

È il caso del Servizio telefonico gratuito di sostegno psicosociale attivato dal 1 aprile scorso: “Lontani ma non distanti”. Si tratta di un servizio di consulenza psicologica dedicato a chi ha bisogno di essere sostenuto e/o semplicemente ascoltato nella gestione delle sensazioni legate all’emergenza coronavirus, quali rabbia, paura, ansia, panico ecc. Oltre all’assistenza psicologica, il servizio telefonico fornisce informazioni anche sulle attività e sulle reti presenti nel territorio. La linea è attiva dal lunedì al venerdì, dalle 10 alle 12, al numero 3468112485.

Infine, insieme alla Cooperativa Zajedno, si è deciso di realizzare e regalare le mascherine agli utenti del servizio di assistenza domiciliare S.A.I.S.A dei Municipi di Roma II, III, V e agli operatori sociali che ogni giorno lavorano con responsabilità per non lasciare nessuno solo. Le mascherine, strumento di protezione essenziale in questo periodo, sono state inoltre realizzate con materiale ecologico, rispondendo così agli ideali e alla missione della Cooperativa che sono quelli di tutelare la salute delle persone e dell’ambiente.

L’hashtag che campeggia sulla pagina della Cooperativa è chiaro: #nonvilasciamosoli.