RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

“Calcio all’insegna della pace” è l’appello della famiglia di Ciro

Più informazioni su

Alla vigilia della prima partita casalinga del Napoli, domani sera allo stadio San Paolo, la famiglia di Ciro Esposito, il giovane rimasto ferito e poi deceduto vicino allo stadio Olimpico di Roma, rivolge un appello ai tifosi: “Ci auguriamo che il campionato appena iniziato prosegua all’insegna della pace, dei valori dello sport e del rispetto delle regole”.

La famiglia di Ciro, poi, rivolge un appello anche a chi c’era quel pomeriggio, a Roma, nelle ore precedenti alla finale di Coppa Italia, quando Ciro fu ucciso: “Fatevi avanti, testimoniate e raccontate la realtà dei fatti, solo così la memoria di Ciro non sarà violata e chi lo ha ucciso avrà la punizione che si merita.

“Ciro non ci sarà, ma nel ringraziare ed abbracciare tutti i tifosi che in questi mesi ci sono stati vicini – scrivono in una lettera Antonella Leardi, Giovanni Esposito e il legale della famiglia Esposito, Angelo Pisani – invitiamo tutti a stigmatizzare ogni tipo di manifestazione violenta e a non cadere nelle provocazioni neanche quelle strumentali e ridicole dei mass media. Speriamo che quest’anno non ci siano scontri tra opposte tifoserie, che l’amore per i colori delle proprie città e squadre prevarichi sull’odio, il calcio torni ad essere espressione di uno sport pulito e momento di divertimento per le famiglie, un esempio per le nuove generazioni che è compito anche delle istituzioni garantire”.

“Confidiamo in voi, negli amici di Ciro – scrive ancora la famiglia Esposito – che con lui condividono la stessa passione. Per lui chiediamo giustizia, riponendo piena fiducia nelle istituzioni e nella legge affinché, una volta e per tutte, affiori la verità e venga fatta piena chiarezza sulla vicenda. Per questo motivo e per contrastare ogni tentativo di fuorviare la giustizia come ogni possibile confusione della verità ci rivolgiamo a chi era con Ciro quel pomeriggio, a chi ha visto, ai suoi amici e compagni di tifoseria”.

“Auguriamo a tutti un buon campionato. Ciro – concludono i famigliari – da lassù continuerà a tifare Napoli, ne siamo certi”.

Più informazioni su