RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Cinquina al Novara, la Roma rivede il terzo posto

Più informazioni su

Roma (4-3-3): Stekelenburg 6, Taddei 6, Kjaer 5.5, De Rossi 6, Josè Angel 6, Simplicio 7 (12′ st Perrotta 6), Gago 6.5, Marquinho 7, Bojan 6.5 (17′ st Lamela 7), Totti 6.5 (37′ st Viviani sv), Osvaldo 7.5. (Curci, Rosi, Cicinho, Piscitella). All.: Luis Enrique 6.5. Novara (5-3-2): Ujkani 6 (1′ st Fontana), Morganella 5.5, Paci 5.5, Lisuzzo 5, Garcia 5.5, Gemiti 6, Porcari 5.5, Pesce 6, Jensen 5 (20′ st Mazzarani 5.5), Caracciolo 6.5, Jeda 5.5 (15′ st Morimoto 6.5). (Centurioni, Rinaudo, Radovanovic, Rubino). All.: Tesser 5.5. Arbitro: Romeo di Verona 6. Reti: nel pt 17′ Caracciolo, 25′ Marquinho, 34′ Osvaldo. Nel st 10′ Simplicio, 16′ Bojan, 33′ Morimoto, 47′ Lamela Angoli: 3 a 2 per la Roma. Recupero: 3′ e 3 Ammoniti: Paci per gioco falloso, Bojan per comportamento non regolamentare Spettatori: 38.237, di cui 18.400 abbonati, per un incasso di 724.833 euro

La Roma non fa scherzi il 1 aprile e trova una vittoria larga, per 5-2 sul Novara allo stadio Olimpico, che porta la squadra di Luis Enrique a 47 punti, a -4 dalla Lazio, terza in classifica, ad otto giornate dalla fine del campionato. Nell’anticipo inedito all’ora di pranzo per i giallorossi i padroni di casa trovano le reti di Marquinho, Osvaldo, Simplicio, Bojan e Lamela, dopo l’iniziale gol del Novara con Caracciolo. La Roma supera brillantemente il Novara, che resta penultimo in classifica a 24 punti, nonostante le diverse assenze, principalmente in difesa, dove il tecnico spagnolo è stato costretto a schierare De Rossi al fianco di Kjaer per le assenze di Juan, Heinze, Burdisso e Cassetti. La prima occasione della gara è per la Roma al 7′, cross dalla destra di Bojan sul secondo palo per Osvaldo che stoppa di petto e calcia forte in porta, ne esce quasi un servizio per Simplicio che da un metro dalla porta non ci arriva di testa. La squadra di tesser però tiene bene il campo e non disdegna le ripartenze e al 17′ passa a sorpresa in vantaggio con Caracciolo. Cross dalla sinistra di Jensen che trova l’Aironè che di testa anticipa De Rossi e beffa Stekelenburg con la palla che colpisce il palo e finisce in rete. La formazione di casa rischia pochi minuti dopo ancora su Caracciolo ma la conclusione da buona posizione è sbilenca. La reazione della Roma è immediata e al 25′ trova il pareggio. Gran lavoro di Osvaldo sulla destra che salta Garcia e crossa al centro dove Marquinho svetta di testa e trova l’angolino alto per l’1-1. I giallorossi continuano a spingere e al 34′ trovano il raddoppio: calcio d’angolo di Totti e Osvaldo senza neanche saltare di testa schiaccia la palla a terra che finisce nell’angolo. Per l’italo-argentino è il gol numero 10 in campionato. Poco dopo lo stesso numero 9 sempre di testa colpisce la traversa. Palla dentro di Josè Angel con l’attaccante che spalle alla porta di nuca tenta di scavalcare Ujkani ma colpisce il legno. Nel finale di tempo reazione del Novara che in due occasioni spaventano Stekelenburg, ma a tempo scaduto è ancora Osvaldo ad andare vicino al gol con un tiro di poco sopra la traversa. Il Novara entra in campo deciso a pareggiare e al 3′ della ripresa ancora Caracciolo anticipa De Rossi, questa volta con la punta del piede, ma Stekelenburg è pronto a respingere. Al 9′ Jeda salta Kjaer al limite dell’area e calcia un rasoterra incrociato che sfiora il palo alla sinistra del portiere giallorosso. Superato lo spavento sul ribaltamento di fronte arriva il tris della Roma. Azione insistita in area di Simplicio che prima serve Marquinho, il cui tiro a giro è respinto dal portiere del Novara, dopo un rimpallo il brasiliano riprende il pallone e da dentro l’area sfodera un pallonetto preciso che tocca la traversa e si infila in rete. Il brasiliano poi chiede il cambio per un problema muscolare. Al 18′ poker giallorosso: cross in profondità di Josè Angel per Bojan che va via in velocità a Paci, entra in area e con un diagonale rasoterra infila Fontana per il 4-1. Dopo il gol l’attaccante spagnolo mostra una maglietta per il suo ex compagno al Barca Eric Abidal. Subito dopo al suo posto entra Lamela. Il Novara cerca di limitare il passivo e siglare ancora un gol e ci riesce al 32′ con il nuovo entrato Morimoto che quando vede la Roma segna sempre. Il giapponese, partito in posizione di fuorigioco non rilevato dall’arbitro, beffa il portiere con un tocco ravvicinato. Al 35′ pasticcio difensivo dei piemontesi con Lamela che ruba palla sulla trequarti al portiere e calcia in porta ma Lisuzzo salva quasi sulla linea di porta. Nel finale ancora Marquinho si testa sfiora la doppietta personale. A tempo scaduto arriva la cinquina firmata da Lamela che entra in area e con una conclusione a giro tocca il palo e centra il definitivo 5-2.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RomaDailyNews, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.