RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

“È un derby vero, alla coppa Italia ci teniamo e faremo di tutto per vincere”

Più informazioni su

«È un derby vero, alla coppa Italia ci teniamo e faremo di tutto per vincere». Claudio Ranieri, tecnico della Roma, assicura che la sfida di domani all’Olimpico con la Lazio «non è un intralcio» per i giallorossi, che in campionato cercano di rientrare nella corsa per lo scudetto dopo una falsa partenza. «Mi aspetto una vittoria, quello che fa la Lazio non mi interessa», dice Ranieri. «Chi sarà l’uomo-derby? Tutta la squadra, l’intero gruppo è determinato a far bene», risponde. «Il derby è il derby, una di quelle gare in cui l’allenatore deve parlare meno. I ragazzi già si caricano da soli, sentono l’euforia e il coinvolgimento dei tifosi. Sono sereni e determinati, siamo pronti. Come ho preparato la partita? Come sempre, abbiamo pensato a tutto, anche ai calci di rigore. La favorita? Non c’è una favorita nel derby, noi stiamo facendo bene e anche la Lazio, faremo di tutto per vincere», ripete. E a chi domanda se questa Lazio è da scudetto, il tecnico risponde: «Non m’interessa quello che fa la Lazio. La Roma fa parte delle 4-5 che puntano allo scudetto e vogliamo esserci fino alla fine. Vogliamo andare avanti il più possibile, in campionato come in coppa Italia e in Champions». Per la sfida di domani Ranieri ha chiamato i due portieri brasiliani Julio Sergio e Doni. Resta fuori il romeno Lobont: «Non cambia la gerarchia, Lobont sta recuperando ma Doni e Julio Sergio sono più in forma di lui», spiega. Fra i convocati c’è anche Adriano: «Se giocherà dall’inizio? Fa parte dei convocati e tutti hanno la stessa possibilità di giocare dall’inizio o a partita in corso», si limita a dire Ranieri. Archiviato il caso di Mirko Vucinic («Sono ‘scazzì improvvisi e si fermano lì. Lui resterà a Roma al 100 percento»), il tecnico fa un’analisi della sua Roma ed esclude che ci sia un problema in zona-gol: «Sono 19 partite che segnamo. I problemi semmai ci sono quando prendiamo gol, se riuscissimo a fare 19 partite senza incassare reti…A Genova, ad esempio, se non avessimo fatto quei due errori saremmo tornati a casa con l’1-0 per noi». La Roma vuole dare la caccia al Milan: «Ho detto di avere ritrovato la squadra quando perdemmo contro il Brescia, da allora stiamo cercando di risalire partita dopo partita per tornare a lottare per lo scudetto».

Più informazioni su