RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Gioca, segna e vince: Roma batte Spal 3-1

Roma – Ultima partita casalinga prima delle feste per la Roma, che all’Olimpico riceve la Spal fanalino di coda in disperata ricerca di punti salvezza. Coppia di centrali inedita per Fonseca, che senza Smalling infortunato e Mancini squalificato propone Fazio al fianco di Cetin.

Buone occasioni ma poca fortuna
Pronti via e una buona azione sull’asse Dzeko-Zaniolo per poco non viene sfruttata dal bosniaco, che di testa sfiora solamente il pallone, sul quale poi si avventa Perotti senza però inquadrare la porta. Passano pochi minuti e ancora l’ex Inter serve il numero nove giallorosso, che di sinistro non riesce a freddare Berisha.

Sale la Spal, poi ancora Roma 
Dopo un inizio in sofferenza la Spal crea in rapida successione due buone occasioni, prima con Petagna il cui sinistro a incrociare viene messo in angolo da Pau Lopez, e poi con Valoti il cui colpo di testa non inquadra la porta difesa dall’estremo difensore spagnolo. Sul ribaltamento di fronte altra palla goal per la Roma: Florenzi arriva sul fondo e mette in mezzo un cross per Dzeko, che non impatta bene e sfiora il palo.

La Roma crea e gestisce, la Spal passa in vantaggio 
Nella restante mezzora la Roma continua a gestire il gioco e a creare buone occasioni non sfruttate, ma al 44′ arriva la doccia fredda: ingenuità di Kolarov in area di rigore, che dopo essersi fatto anticipare stende Cionek, con l’arbitro che conseguentemente assegna il rigore agli ospiti. Sul dischetto si presenta Petagna, che con un piatto mancino batte un immobile Pau Lopez.

Nella ripresa la Roma pareggia subito 
Il secondo tempo si apre con i giallorossi all’attacco alla ricerca del pareggio, che puntualmente arriva dopo un prolungato pressing sulla trequarti spallina. E’ Pellegrini al 55′ a rimettere in corsa i suoi: destro violento da fuori che, complice la deviazione decisiva di Tomovic, si insacca alle spalle di un incolpevole Berisha.

Rigore di Perotti per il sorpasso 
Dopo la rete del pareggio la squadra di Fonseca continua a gestire pallone e tempi di gioco, presentandosi non di rado dalle parti di Berisha. Al 65′ la chiave di volta della partita, con Vicari che stende Dzeko in area e consegna a Perotti il rigore del possibile vantaggio giallorosso. Dal dischetto l’argentino conferma la sua infallibilità e porta in vantaggio i suoi.

La Roma gestisce alla ricerca del goal della sicurezza 
Complice la rete del vantaggio, la Roma gestisce maggiormente il pallone senza sbilanciarsi troppo, consapevole di essere in grado di poter chiudere la partita senza rischiare in difesa. Nella mezzora prima del triplice fischio i vari Zaniolo, Veretout, Perotti e Dzeko hanno alcuni buoni palloni, ma nessuno riesce a capitalizzare le occasioni create.

A cinque dal termine la chiude Mkhitaryan 
Entrato in campo a tredici minuti dal termine, è l’armeno Mkhitaryan a segnare la rete della sicurezza per la Roma: splendidamente imbeccato da Florenzi, il numero 77 giallorosso deve solo spingere in rete il più facile dei palloni. Come a Verona due settimane fa, è ancora una volta lui a chiudere i giochi quasi sul gong.

Vittoria importante per la classifica, ora la Fiorentina 
Tre punti di fondamentale importanza per rimanere in zona Champions League. Con questi tre punti la Roma aumenta il vantaggio sull’Atalanta a quattro punti e si porta momentaneamente tre punti sopra il Cagliari e una lunghezza sotto la Lazio, in attesa dello scontro diretto di lunedì sera.
Prossimo impegno, l’ultimo prima della sosta natalizia, venerdì sera in casa di una Fiorentina in crisi di risultati e alla ricerca di punti per rilanciarsi in classifica dopo un periodo decisamente negativo.

Andrea Trupiano