RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

La Roma a Lecce per dimenticare la sconfitta contro l’Atalanta

Roma – Trasferta da non sottovalutare per gli uomini di Fonseca, attesi domenica alle 15 da un Lecce vittorioso nell’ultimo turno e in attesa della prima vittoria casalinga della stagione. I pugliesi fin qui in campionato hanno collezionato due vittorie, entrambe in trasferta, e tre sconfitte, mentre come sappiamo il ruolino di marcia della Roma recita due vittorie, due pareggi e una sconfitta, arrivata nell’ultimo turno all’Olimpico contro l’Atalanta. Match importante per i capitolini, che necessitano dei tre punti per rilanciarsi in classifica e per risollevare il morale dopo il K.O. arrivato nel turno infrasettimanale.

Qualche dubbio di formazione nel 4-2-3-1 di Fonseca, visti i ballottaggi in ogni zona del campo, ad esclusione della porta dove sembra certa la presenza di Pau Lopez: in difesa c’è il ballottaggio Spinazzola-Florenzi per il ruolo di terzino destro, ma molto dipenderà dalle condizioni dell’ex Juve, mentre a sinistra dovrebbe giocare ancora Aleksandar Kolarov, alla sua settima partita consecutiva. Al centro, visto il rientro dalla squalifica, non è esclusa la presenza di Mancini dal primo minuto accanto a Smalling, con Fazio in panchina. In mediana dovrebbero agire ancora Cristante e Veretout, entrambi in vantaggio su Diawara. Qualche incognita sulla trequarti, con un Pellegrini non al meglio ma che dovrebbe comunque essere schierato alle spalle della punta, con ai suoi lati uno tra Zaniolo e Kluivert a destra e Mkhitaryan, al rientro dal primo minuto, largo a sinistra. Unica punta ancora Edin Dzeko, che per il turno di riposo dovrà probabilmente aspettare ancora.
Roma (4-2-3-1): Pau Lopez; Florenzi, Smalling, Mancini, Kolarov; Cristante, Veretout; Zaniolo, Pellegrini, Mkhitaryan; Dzeko.

Il Lecce di Liverani dovrebbe invece schierarsi con un modulo a due punte, con qualche ballottaggio soprattutto in difesa e a centrocampo. In porta sicuro del posto Gabriel, mentre davanti a lui la difesa a quattro dovrebbe essere composta da Rispoli a destra, in vantaggio su Benzar, al centro il duo Rossettini-Lucioni e terzino sinistro Calderoni. Centrocampo a tre con Majer e Tabanelli mezzali e cabina di regia affidata a uno tra Tachtsidis e Petriccione, con il greco al momento in vantaggio. Mancosu dovrebbe agire da trequartista, alle spalle del tandem d’attacco Falco-Babacar.
Lecce (4-3-1-2): Gabriel; Rispoli, Rossettini, Lucioni, Calderoni; Majer, Tachtsidis, Tabanelli; Mancosu; Falco, Babacar.

Andrea Trupiano