Quantcast

La Roma cade in casa al cospetto del Milan, ma quanti errori di Maresca

Roma – Dopo l’importante vittoria ottenuta nel turno infrasettimanale sul Cagliari, successo arrivato al termine di una partita complicata, la Roma riceve all’Olimpico il Milan di Pioli, chiamato a riprendere il Napoli in testa alla classifica. Formazione tipo per Mourinho, che nonostante i dubbi iniziali conferma ancora una volta Mkhitaryan.

La Roma parte forte ma la sblocca Ibrahimovic
Parte forte la Roma, che al secondo minuto, dopo una discesa di Vina, va alla conclusione dall’altezza del dischetto con Pellegrini, il cui sinistro termina di un soffio a lato. Dieci minuti dopo ancora Roma e ancora con Pellegrini, ma il suo sinistro dal limite termina ancora una volta a lato, non trovando la deviazione di Abraham sotto porta. Al 16′ si vede il Milan, con Ibrahimovic che, ben imbeccato da Saelemaekers, calcia alto col mancino. A metà primo tempo il Milan la sblocca: punizione dal vertice dell’area e missile terra-terra di Ibrahimovic che lascia di stucco Rui Patricio. Dieci minuti dopo gran giocata di Leao, che salta l’estremo difensore romanista con un sombrero e deposita in rete di testa, ma il direttore di gara annulla per offside.

Pioggia di errori di Maresca
Nel secondo tempo parte forte il Milan, che dopo quattro minuti trova il raddoppio con un gran destro di Ibrahimovic, ma ancora una volta la rete viene annullata per posizione di fuorigioco. Al 53′ primo grande episodio dubbio della serata: Ibanez nel tentativo di anticipare l’attaccante svedese tocca sia il pallone che lo stesso Ibrahimovic, con Maresca che concede calcio di rigore anche dopo l’on field review. Dal dischetto Kessie non sbaglia. Al 65′ il Milan resta in dieci per un doppio giallo ai danni di Theo Hernandez, ma anche in questo caso qualche dubbio per un possibile fallo di Felix su Krunic. Nei minuti di recupero succede di tutto: al 93′ la Roma accorcia con un bel goal di El Shaarawy, ma soprattutto al 95′ altro episodio più che dubbio in area di rigore rossonera, con Kjaer che calcia sul polpaccio di Pellegrini nel tentativo di anticipare il capitano romanista e Maresca che incredibilmente lascia correre.

Il Milan vince, la Roma recrimina
La Roma esce sconfitta nel confronto con il Milan, lasciando troppo il pallino del gioco in mano ai rossoneri e limitandosi per gran parte del match a ripartenze che non si sono rivelate efficaci. Sul risultato pesano enormemente gli errori di Maresca, che concede un inconcepibile calcio di rigore alla squadra di Pioli e non va nemmeno a rivedere il contatto Kjaer-Pellegrini, di fatto identico a quello visto la settimana scorsa a San Siro tra Dumfries e Cuadrado ma valutato in maniera diametralmente opposta. La Roma ha comunque diversi aspetti su cui lavorare, come la difficoltà nel servire Abraham e i problemi in fase realizzativa, aspetti su cui si deve necessariamente lavorare in vista dei prossimi delicati impegni.

Andrea Trupiano