Quantcast

La Roma è scoppiata, la Sampdoria vince 2-0

Roma – Dopo il pesante 6-2 di Manchester la Roma è chiamata a reagire in campionato per provare ad allungare sul Sassuolo diretto inseguitore, di fronte l’ostica Sampdoria di Claudio Ranieri, squadra solida e in grado di creare pericoli a tutti. Turnover obbligato per Fonseca, con Fuzato in porta, Kumbulla titolare insieme a Santon, Cristante che torna a centrocampo e per la prima volta il tandem Dzeko-Mayoral in avanti.

Sampdoria in vantaggio
Grande occasione in apertura per la Roma, con Mayoral che si libera e calcia, ma Tonelli mura in angolo. Ci prova nuovamente lo spagnolo che, servito da Santon, vede il suo tiro respinto sulla linea ancora da Tonelli. A metà primo tempo Dzeko a tu per tu con Audero realizza il vantaggio della Roma, ma il direttore di gara annulla per offside. Triangolazione Mkhitaryan-Mayoral, ma ancora una volta è provvidenziale Tonelli. Sale poi in cattedra la Sampdoria, che ci prova prima con Verre, il cui destro termina di poco fuori, e poi con Thorsby, con Fuzato che risponde presente. Nel finale di primo tempo la Roma, come suo solito, si suicida regalando il goal all’avversario di turno: Fuzato coglie in controtempo Kumbulla, Thorsby recupera palla e serve Adrian Silva, che dal limite porta avanti la Sampdoria.

La Roma non reagisce
La ripresa parte su ritmi simili a quelli del primo tempo ma senza vere occasioni né da una parte né dall’altra. Prima vera palla goal al 55′, quando Audero in uscita anticipa di un soffio Mkhitaryan. Cinque minuti più tardi Cristante lancia Dzeko, che davanti ad Audero sigla il pareggio, ma anche stavolta l’arbitro annulla per fuorigioco. Superata l’ora di gioco la Sampdoria raddoppia: bella trama di gioco dei blucerchiati con Jankto che, ben imbeccato da Thorsby, batte ancora Fuzato. Subito dopo Mayoral ben servito da Dzeko riapre il match, ma ancora una volta tutto fermo per offside. Dopo due minuti fallo di mano di Jankto e calcio di rigore per la Roma: sul dischetto si presenta Dzeko, ma Audero para. Ci prova Keita dal limite, Fuzato mette in corner. Nel finale non succede nulla, vince la Samp 2-0.

La Roma non c’è più
Ennesima sconfitta per Fonseca., ennesima sconfitta con prestazione orribile. La squadra in campo non dà segni di vita, non reagisce agli schiaffi ricevuti dalla Sampdoria, non dà mai l’impressione di poter realmente riprendere in mano la situazione. La Roma è entrata in un vortice negativo e non riesce più ad uscirne: dopo aver perso la zona Champions, dopo aver perso la zona Europa League, dopo essere stata bastonata duramente dal Manchester United, la Roma rischia di perdere anche il settimo posto valevole per la Conference League, con il Sassuolo che dietro si avvicina sempre di più. Con il pareggio dei neroverdi c’era l’occasione di allungare in classifica, alla fine dei conti è stato il Sassuolo ad avvicinarsi. Male, davvero molto male.

Photo credit AS Roma

Andrea Trupiano