Quantcast

La Roma esce sconfitta contro il Bologna di Mihajlovic

Roma – Neanche il tempo di mettersi alle spalle la vittoria ottenuta contro il Torino che per la Roma di Mourinho è già tempo di tornare in campo, andando a trovare il sorprendente Bologna di Mihajlovic, ottavo in classifica a soli quattro punti dai giallorossi. Confermato Mkhitaryan a centrocampo, ancora titolari Smalling ed El Shaarawy.

Bologna in vantaggio alla prima occasione
Primo quarto d’ora piuttosto bloccato con Bologna e Roma che studiano la disposizione avversaria senza scoprirsi eccessivamente. Al 18′ prima palla goal per i capitolini, con Karsdorp che lascia partire un bel cross tagliato sul quale si avventa Abraham, che di testa sfiora il palo. Due minuti dopo ci prova Skov Olsen, ma Rui Patricio fa buona guardia. Alla mezz’ora il Bologna a sblocca: Dominguez per Svanberg, Veretout non copre a sufficienza e lo svedese, nonostante un controllo sbagliato, riesce comunque a piazzare il destro all’angolino. Al 41′ altra chance per Abraham, ma Skorupski riesce a mettere una pezza sul suo “pallonetto” di ginocchio. Prima del duplice fischio inconcepibile decisione di Pairetto: Abraham si scontra fortuitamente con un avversario e viene incredibilmente ammonito, venendo costretto a saltare il big match con l’Inter di sabato.

La Roma ci prova ma non trova il goal
Primo quarto d’ora della ripresa piuttosto avaro di emozioni, con le due squadre che lottano a centrocampo senza trovare lo spunto vincente. Al 65′ Soumaoro svirgola un retropassaggio consentendo ad Abraham di involarsi e servire al centro Zaniolo, ma Medel spazza. Cinque minuti più tardi contropiede sull’asse Cristante-Abraham, l’inglese serve Mkhitaryan al limite, ma il suo destro viene respinto da Skorupski. Al 74′, da calcio piazzato sui 25 metri, Abraham non va lontano dai pali. Altra buona occasione per il centravanti ex Chelsea, ma il suo destro in girata da dentro l’area viene ancora una volta parato dal portiere felsineo. L’ultima occasione è ancora giallorossa, con Vina che scende palla al piede sulla fascia e mette al centro un pallone sul quale per un soffio non interviene Zaniolo.

Sconfitta pesante
La Roma cade a Bologna, e lo fa al termine di una partita luci e ombre, in cui pur creando diverse potenziali buone occasioni non riesce mai a impensierire seriamente la retroguardia rossoblu. Una sconfitta che ridimensiona la squadra di Mourinho, sprofondata nuovamente a sei punti dall’Atalanta quarta in classifica. Quel che salta all’occhio è ancora una volta la sterilità offensiva di una squadra che crea ma non finalizza, problema ancor più preoccupante pensando al prossimo Roma-Inter di sabato, dove peraltro mancheranno Abraham e Karsdorp, due pedine fondamentali nello scacchiere romanista.

Andrea Trupiano