La Roma vince di misura col Genoa, la decide Mancini

Roma – Archiviata la vittoria in extremis di mercoledì contro la Fiorentina, la Roma riceve all’Olimpico il rinato Genoa di Ballardini, per una partita che mette in palio punti pesanti da una parte e dall’altra. Un po’ di turnover per Fonseca, che in vista dello Shakhtar lascia in panchina Spinazzola, Villar e Mkhitaryan.

Pedro al tiro
Al quarto d’ora di gioco prima vera occasione per i padroni di casa con Bruno Peres che dalla sinistra appoggia a El Shaarawy, il numero 92 controlla e poi scarica su Pedro, con lo spagnolo che prende la mira ma calcia a lato non di molto.

La sblocca Mancini
Alla metà esatta del primo tempo arriva la rete che deciderà la partita: angolo dalla destra con Pellegrini che si incarica della battuta, cross perfetto del capitano giallorosso e incornata vincente di Gianluca Mancini, che sigla il quarto goal stagionale portando avanti la Roma.

Ci prova El Shaarawy
Cinque minuti più tardi il Faraone avrebbe la ghiotta chance del raddoppio quando, ricevuta palla sulla trequarti da Diawara, arriva quasi al limite e da buona posizione lascia partite un potente destro a giro che però termina abbondantemente alto.

Ci prova ancora Pedro
Passano altri due minuti e la Roma si rende nuovamente pericolosa, stavolta con Pedro, il quale viene servito da Karsdorp e al termine di una breve serpentina tra i difensori genoani calcia in porta, trovando la pronta risposta di Marchetti.

Zappacosta tenta il goal dell’ex
Nel secondo tempo la prima conclusione è del Genoa: Zappacosta riceve palla e tenta la conclusione verso la porta difesa da Pau Lopez, ma una deviazione di Mancini smorza il tiro permettendo la facile presa del portiere spagnolo.

Mancini ci riprova
Nel capovolgimento di fronte i capitolini rispondono alle offensive rossoblu: El Shaarawy in area non riesce a trovare la conclusione vincente, ne approfitta Mancini che, dopo aver seguito l’azione a rimorchio, si ritrova sul piede il pallone del raddoppio, ma la sua conclusione non trova la porta.

Villar prende il palo
Al sessantasettesimo minuto arriva forse l’occasione romanista più nitida di questo secondo tempo, quando dopo un recupero di Mkhitaryan a centrocampo il fantasista spagnolo si invola verso la porta avversaria e giunto al limite calcia col destro, trovando un leggero ma decisivo tocco di Radovanovic che porta la sfera a impattare sul montante.

Raddoppio annullato
Nel finale la Roma trova anche la rete del raddoppio, poi annullata per fuorigioco: Pellegrini allarga a destra per Karsdorp, l’olandese crossa rasoterra al centro e trova il colpo di tacco di Pedro, ma il guardalinee e poi il Var annullano il goal per posizione di offside dello spagnolo.

Tre punti pesanti
Nonostante una prestazione un po’ meno frizzante rispetto al solito e un po’ di sofferenza nei minuti finali, la Roma porta a casa una vittoria fondamentale nell’inseguimento al quarto posto, in attesa dei risultati di Napoli e Atalanta. Vittoria arrivata nonostante il meritato turnover concesso ad alcuni giocatori, come Mkhitaryan, che serviranno nella migliore condizione in vista della partita di Europa League di giovedì contro lo Shakhtar.

Andrea Trupiano