RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Roma batte Milan 2-1: giallorossi a un punto dal quarto posto

Roma – La Roma torna a vincere all’Olimpico 38 giorni dopo l’ultima volta, e lo fa battendo il Milan di Pioli per 2-1. Anche oggi diversi problemi di formazione per Fonseca, costretto a riproporre Mancini a centrocampo al fianco di Veretout, con Pastore sulla trequarti alla terza partita in sette giorni e Dzeko ancora titolare nonostante lo zigomo non al meglio e la maschera protettiva che ne limita la visuale. Torna dal primo minuto Diego Perotti.

Primo tempo vivace ma senza grosse occasioni 

Entrambe le squadre scendono in campo con la voglia di prendersi i tre punti per migliorare la propria classifica, ma le occasioni all’inizio latitano: partita giocata molto nella zona centrale del campo, con un paio di verticalizzazioni per parte non sfruttate al meglio. Al quarto d’ora annullato un goal a Paquetà, che al momento del passaggio di Kessie si trova in posizione irregolare. La partita poi si accende, con un paio di occasioni per Pastore, che in entrambi i casi non riesce ad inquadrare lo specchio della porta, prima di una buona occasione per Calhanoglu, il cui tiro viene agevolmente bloccato da Pau Lopez. Al 37′ gran conclusione da fuori di Zaniolo, messa in angolo da Donnarumma. E’ il preludio al goal, che arriva sul calcio d’angolo successivo: corner di Veretout, Mancini allunga la traiettoria del pallone e sul secondo palo Dzeko mette in rete il meritato vantaggio giallorosso. Prima dell’intervallo Pastore ha un’altra grande occasione, ma si fa ipnotizzare da Donnarumma.

Ripresa piacevole e con numerose palle goal 

Secondo tempo che inizia così come era finito il primo, con un paio di buone occasioni non sfruttate da Pastore e Kolarov, il cui mancino su punizione viene deviato in angolo, dal quale poi Smalling per un nulla non trova il raddoppio. Goal sbagliato, goal subito: passano cinque minuti e una disattenzione difensiva porta alla conclusione Hernandez, il cui tiro deviato finisce alle spalle di Pau Lopez. Reazione d’orgoglio della Roma, che non si disunisce e appena quattro minuti più tardi torna in vantaggio con Zaniolo: errore in disimpegno di Calabria, Dzeko recupera palla e serve Zaniolo, che con un piazzato all’angolino riporta in vantaggio i padroni di casa. AL 70′ altra clamorosa occasione non sfruttata, con Mancini che da corner non inquadra la porta da posizione molto favorevole. Girandola di cambi, numerosi falli e molti cartellini gialli, le squadre si allungano con il Milan alla ricerca del pareggio, senza però creare grossi grattacapi a Pau Lopez. Prima del fischio finale c’è spazio per una bella azione della Roma finalizzata da Pastore, il quale però al momento del passaggio si trova in offside.

Nonostante le assenze, partita ben giocata dalla Roma 

Anche oggi formazione rimaneggiata, giocatori adattati e altri agli straordinari, ma nonostante ciò la Roma ha fatto una partita di carattere, mettendo in campo tutto quello che poteva dare. Buona l’intensità avuta per tutta la partita, positive le trame di gioco costruite e la velocità con cui si passava dalla fase difensiva a quella offensiva e viceversa. Ancora una volta positiva la prestazione di Veretout, che a centrocampo smista palloni, allarga il gioco e cerca di servire in profondità i compagni d’attacco. Conferme anche per Mancini, che nell’insolita posizione di mediano si fa trovare pronto e non commette sbavature da matita blu. Ancora miglioramenti in difesa, con l’intero reparto guidato da uno Smalling sempre più leader. Encomiabile la prestazione di Dzeko, che nonostante la scarsa visibilità dovuta alla maschera protettiva si sbatte in lungo e in largo, recupera palloni, scende a centrocampo a dare una mano e, cosa più importante, sigla il goal del vantaggio.

Andrea Trupiano