Quantcast

Un rimpallo permette alla Juve di battere la Roma, ma Orsato è decisivo

Roma – Prima partita dopo la sosta e pioggia di polemiche allo Stadium, dove la Roma esce sconfitta contro la Juventus, pur senza demeritare, in un match ricco di episodi arbitrali. Mourinho recupera all’ultimo Abraham e lo manda in campo dal primo minuto, intorno a lui la formazione tipo.

La Juve segna, ma Orsato sbaglia di tutto
La prima palla goal è della Roma e arriva da calcio piazzato al quinto minuto, quando su punizione di Pellegrini un colpo di testa di Mancini impegna Szczesny. Ancora Roma con Pellegrini, il cui sinistro dal limite viene deviato terminando di poco alto. Al 16′ la Juve la sblocca: cross dalla sinistra di De Sciglio, colpo di testa di Bentancur che rimpalla su Kean e Rui Patricio battuto, ma qua iniziano le prime polemiche, perchè ad inizio azione Cuadrado potrebbe aver toccato il pallone col braccio. Al 40′ l’episodio clou della serata: in area Danilo anticipa Abraham, il pallone arriva a Mkhitaryan che viene steso da Szczesny, carambola e tap in vincente dell’attaccante inglese, ma Orsato fischia calcio di rigore in favore della Roma, senza concedere il vantaggio. Dal dischetto Veretout si fa ipnotizzare dal portiere polacco, ma anche qua ci sono polemiche, vista l’invasione di Chiellini prima della conclusione, colui che poi ostacolerà Mancini sul tentativo di ribattuta a rete. Da regolamento, ripetizione del penalty.

Partita accesa con occasioni per entrambe
La ripresa si apre con una colossale occasione per la Juventus, con Kean che non approfitta della mancata trattenuta di Rui Patricio sulla rovesciata di Bernardeschi e spara alto da due passi. Al 62′ Bernardeschi ci prova dai venticinque metri, col tiro mancino che termina di poco a lato. Risponde la Roma con un destro a giro di Veretout, anche in questo caso fuori di un nulla. Al 72′ bella triangolazione tra Pellegrini e Vina, con l’uruguaiano che salta due avversari in area e col sinistro per poco non inquadra la porta. A sette dal termine Cristante ci prova dal limite, ma la sua conclusione è deviata in corner da Bonucci.

Roma sconfitta e tante polemiche
La Roma esce ancora una volta sconfitta dallo Stadium, ma lo fa al termine di una partita giocata alla pari con i bianconeri, lottando pallone su pallone e giocando ad armi pari, pur peccando di cinismo negli ultimi metri, aspetto su cui Mourinho deve continuare a lavorare. Mille polemiche sull’episodio del rigore, con Orsato che non concede il vantaggio togliendo di fatto la certezza del pareggio per assegnare la possibilità del pareggio, infrangendo lo stesso regolamento di cui parla nell’intervallo con Cristante, dimostrando quindi di non conoscerlo a pieno. Dell’episodio si è detto anche che il goal sarebbe stato annullato per un tocco di mano di Mkhitaryan in caduta, ipotesi del tutto falsa in quanto il pallone carambola sulla spalla di Locatelli e non sulla mano dell’armeno.

Andrea Trupiano