RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Dinamo Labico calcio (II cat.): Capristo, secondo posto grande stimolo

Capristo arriva dalla vittoria del campionato di Prima categoria con la Praeneste. E ha subito mostrato grande entusiasmo nell’aderire al progetto della Dinamo Labico

Più informazioni su

Roma – E’ stata una sosta pasquale molto dolce quella della Dinamo Labico. La squadra di mister Alfio Nuzzi è riuscita a superare lo Sporting San Cesareo dopo un lungo inseguimento. Ora lotterà coi denti per poter mantenere una seconda piazza che vorrebbe dire quasi certamente promozione. “Finalmente siamo riusciti a coronare il sorpasso e ora dipende da noi: daremo tutto quello che abbiamo per mantenere il secondo posto”.

Il messaggio, forte e chiaro, è del centrocampista classe 1992 Gabriele Capristo che fa parte del gruppo dall’inizio della stagione. Ma per una serie di problemi fisici e lavorativi ha potuto giocare poche partite. “Sono stato accolto in maniera splendida da parte del gruppo, dello staff tecnico e della società. Purtroppo non sono riuscito a ripagare questa fiducia per questi problemi che mi hanno condizionato. Ho voglia di dare il mio contributo in questo finale di stagione”.

D’altronde Capristo arriva dalla vittoria del campionato di Prima categoria con la Praeneste. E ha subito mostrato grande entusiasmo nell’aderire al progetto della Dinamo Labico. “Sono stato contattato dal direttore sportivo Natale Giovannetti e dal mister Nuzzi. E, come detto, ho trovato davvero un bell’ambiente. La speranza è di riuscire a tornare in Prima categoria con questo club”.

Nel primo turno dopo la sosta pasquale, la Dinamo Labico ospiterà il III Municipio, squadra momentaneamente al settimo posto della classifica del girone G della Seconda categoria. Un avversario valido che deve essere preso con le molle perché in questo finale di stagione ogni piccolo errore può costare molto caro.

«Il gruppo si è allenato sempre bene e in massa, anche nei momenti più complicati della stagione – sottolinea Capristo –. Ora mancano sei partite e non abbiamo nessuna voglia di abbassare la guardia. Domenica spero di esserci, ma negli ultimi giorni ho avuto qualche problemino al ginocchio e sono stato condizionato anche dall’influenza, vediamo se riuscirò a recuperare».

Più informazioni su