RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Finale di 2017 amaro per la Virtus Roma

Più informazioni su

 

Finale di 2017 amaro per la Virtus Roma, costretta ad arrendersi ai danni dei rivali storici di Siena. Un Ebanks favoloso e un Sandri con tanta rabbia sconfiggono una Roma dai due volti, combattiva e decisa nel primo tempo, ma timida e meno incisiva nel secondo.

virtus roma

virtus roma

Ottimo inizio per la Mens Sana che, dopo appena tre minuti di gioco, riesce ad a prendere un margine di 7 lunghezze di vantaggio, grazie ad un scatenato Sandri (ex di turno), costringendo subito Bechi ad un time out. Ma la situazione non migliora per i giallorossi, anzi diventa ancora più critica. Due triple di Ebanks portano Siena sul punteggio di 17-7 quando il cronometro segna quattro minuti al termine del primo quarto. Ma Thomas non ci sta e, caricandosi la squadra sulle spalle, cerca di riaggiustare la situazione. Una tripla quasi allo scadere di Chessa e i 12 punti dell’ala americana portano Roma a -1 (21-20) al termine della prima frazione. Padroni di casa che, dopo un ottimo inizio di gara, iniziano a subire il gioco ospite.

La rimonta giallorossa non termina qui e, ad inizio ripresa, il solito Thomas regala il pareggio. Per il definitivo sorpasso non bisogna aspettare molto, al quarto minuto del secondo quarto un canestro di Basile porta avanti gli ospiti (28-31). Landi aumenta il vantaggio, dando 6 punti di distacco ai senesi, ma Sandri, Ebanks e Simovic tengono a contatto la Mens Sana. Negli ultimi due minuti, però, la Virtus riesce a raggiungere il massimo vantaggio, andando negli spogliatoi sul punteggio di 48-51, grazie ad un Baldasso scatenato autore di 5 punti in poco più di sessanta secondi.

Ma la pausa lunga, questa volta, aiuta Siena. Coach Mecacci riesce a riorganizzare le idee dei suoi giocatori, i quali, al ritorno sul parquet, iniziano a riavvicinarsi agli ospiti, grazie soprattutto ad un super Ebanks – autore di 13 punti nella sola terza frazione – e a Saccaggi. Dopo sette minuti la Mens Sana torna avanti, dopo un canestro del solito Ebanks. La Virtus fatica a trovare la retina, tirando con 6 su 14 dal campo e riuscendo a realizzare solamente 16 punti. Siena, al contrario, segna ben 31 punti, imponendo il proprio ritmo e tentando un timida fuga. Al termine dei trenta minuti il tabellone recita 74-69.

Una tripla di Chessa, in apertura di quarta frazione, e 5 punti di Roberts riportano avanti Roma dopo tre minuti di gioco, ma questo sorpasso è solo un illusione. Da questo momento in poi i giallorossi si spengo, lasciando campo ai padroni di casa che, grazie a due triple di Saccaggi, due canestri consecutivi di Ebanks e un Sandri indemoniato, riescono a prendere il lungo. Finisce 102-88, con un punteggio che, forse, risulta essere fin troppo severo ai danni dei capitolini, ai quali non sono bastati i 22 punti di Thomas e i 27 di Roberts. MVP del match il senese Ebanks autore di 33 punti con 37 di valutazione.

Giorgio Mastrogiacomo

Siena – Virtus Roma 102-88

Parziali: 21-20, 22-31, 31-18, 28-19

Siena: Casella 3, Vildera 16, Sandri 18, Saccaggi 19, Borsato 2, Ebanks 33, Simovic 6, Turner jr. 5, Ceccarelli, Lestini, Pannini ne ,Lurini ne. All. Mecacci

Virtus Roma: Vedovato 2, Maresca 7, Basile 1, Baldasso 9, Landi 11, Thomas 22, Roberts 27, Lucarelli ne, Donadoni ne, Chessa 9. All.Bechi

Più informazioni su