RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Grande Roma ma il ‘Porto’ quarti è ancora lontano: 2-1

Sarà quella musichetta prima del fischio d’inizio evidentemente a fare la differenza, anche perché è difficilissimo trovare una spiegazione razionale a tutto questo. Fatto sta che la Roma in Champions League sembra quasi un’altra squadra! Solidità, attenzione, grinta, tanta qualità e una sfrontatezza bella, giovane, come Nicolò Zaniolo, che con la sua prima doppietta in Europa conferma ancora una volta di essere un predestinato.

Ma mai come oggi è giusto parlare della prestazione di tutti quanti, compresi quelli che normalmente hanno più difficoltà, contro un avversario ostico e decisamente più esperto a livello Europeo. L’unico rammarico è il gol preso nel finale da Adrian, in una delle pochissime occasioni concesse al Porto, tra l’altro in maniera decisamente “fortunosa”, che tiene ancora apertissimi i giochi in ottica qualificazione. Però questo non deve assolutamente sminuire il valore del risultato e della performance di oggi. “Fiducia” dovrà essere la parola d’ordine nei prossimi giorni, considerando che fra tre settimane i giallorossi avranno a disposizione due risultati su tre per raggiungere i quarti di finale.

E con un Dzeko così in forma, finalmente, sognare si può. Perché al di là di tutto la squadra oggi ha dimostrato tutte le sue potenzialità. A tratti si è rivista la Roma che ci ha fatto innamorare l’anno scorso in Champions League. Ottimismo dunque, ma senza montarsi la testa, per un finale di stagione che si dovrà “aggredire” con la stessa rabbia di oggi per raggiungere un futuro bello ed entusiasmante.

Appuntamento ora a lunedì prossimo, quando allo Stadio Olimpico i capitolini affronteranno i rossoblù del Bologna. Successivamente Frosinone, il derby con gli “altri” e il ritorno al Estadio Do Dragao contro il Porto. Quattro partite che diranno tantissimo sul futuro di questa squadra sia in campionato che in coppa, con un solo unico comun denominatore: l’Europa più bella, da conquistare anche la prossima stagione, e da vivere quest’anno alla ricerca di un sogno che i Romanisti meritano di vivere. Perché serate come questa non hanno prezzo, e se è vero che immaginare non costa nulla, allora è giusto che questa Roma torni a sentirsi come la Cenerentola che questa sera ha dimostrato di poter essere in tutto il suo splendore e in tutte le sue potenzialità.

“Ama il tuo sogno, seppur ti tormenta”.

Francesco Bastianini