RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

La rivoluzione romanista e il ‘Pipita’

Quella che qualche settimana fa era un’ipotesi ora è una fin troppo evidente realtà: alla Roma sarà rivoluzione anche dentro il rettangolo di gioco. Rivoluzione già iniziata ma ancora da ultimare. Per ora sono partiti Manolas, El Shaarawy e Luca Pellegrini, oltre a Gerson che lo scorso anno ha giocato a Firenze. Sicuramente sarà ceduto Olsen, molto probabilmente Dzeko, in bilico Kolarov.

E poi bisogna verificare la posizione di Zaniolo, quella di Perotti, Florenzi non è un incedibile, Nzonzi e Pastore neanche a dirlo. Gli arrivi sono Spinazzola, Diawara e Pau Lopez ma è una lista fisiologicamente destinata ad allungarsi, anche di molto. Tutto dipenderà naturalmente dalle cessioni e quindi dalle tessere del puzzle romanista da rimpiazzare. Oltre che naturalmente dalla disponibilità economica.

Per il momento mancano i sostituti di Manolas e di El Shaarawy. Queste due scelte, insieme a quella dell’eventuale sostituto di Dzeko, saranno determinanti per la Roma che verrà. Per il ruolo di difensore centrale la sensazione è che Petrachi cercherà di prendere uno tra Alderweireld del Tottenham e Nkoulou del Torino. In caso di doppia fumata nera arriverebbe a Trigoria Mancini dell’Atalanta.

A centrocampo ci si muoverà probabilmente per un centrale, a patto che venga ‘piazzato’ Nzonzi. Veretout della Fiorentina è seguito da settimane ma non è detto che sia lui ad arrivare. Anche perché nelle ultime ore circola il nome di Almendra, argentino classe 2000 del Boca Junior.

In attacco è da tempo che circola il nome di Gonzalo Higuain. Sarebbe sicuramente un nome ad effetto, uno di quei nomi capaci di poter far sognare la tifoseria. In realtà però il ‘Pipita’, arrivato a quasi 32 anni, ha passato un’ultima stagione assai travagliata, divisa tra Milan e Chelsea. Inoltre il costo dell’operazione sarebbe estremamente elevato. Sia per l’ingaggio che per il cartellino. Anche se per quest’ultimo la spesa potrebbe diventare sostenibile, magari inserendo Zaniolo nell’operazione con la Juventus…

Andrea Felici