La Roma crea ma non segna, l’Inter ne approfitta e pareggia

Roma – Trasferta milanese per la Roma di coach Bavagnoli, che dopo la vittoria ottenuta al Tre Fontane contro il Verona va a trovare l’Inter presso il Suning Training Center. Torna capitan Bartoli dopo la squalifica, rientra anche Bernauer dopo l’infortunio che la ha costretta a saltare l’ultimo match.

Tocco di Lazaro a fil di palo
Prima buona occasione per le giallorosse, che al decimo minuto vanno vicine al vantaggio: da azione d’angolo il pallone viene messo fuori dalla difesa di casa, la recupera Serturini che lascia partire un sinistro sporco sul quale si avventa Paloma Lazaro, il cui tiro però lambisce il palo alla destra di Aprile.

Bartoli di testa, sfera fuori
A un minuto dall’intervallo ghiotta occasione per Bartoli, che tutta sola a centro area raccoglie una punizione calciata dalla trequarti da Andressa e sfiora di testa ma non abbastanza da inquadrare lo specchio della porta, con il pallone che esce ancora una volta di poco.

Serturini la sblocca
Sul gong del primo tempo arriva il meritato vantaggio romanista. Giugliano recupera palla e una volta all’interno dell’area di rigore lascia partire un destro che Aprile respinge maldestramente, consegnano il pallone a Serturini per il più facile dei tap-in.

Incredibile errore di Lazaro
Poco dopo l’inizio della ripresa Thomas recupera palla e si dirige sul fondo, doppia finta a disorientare Kathellen e cross perfetto al centro dell’area, dove una ben appostata Lazato colpisce di testa ma manda incredibilmente alta la sua conclusione.

Lampo Inter e pareggio di Marinelli
Al settantesimo come un lampo a ciel sereno arriva il pareggio interista con la neo entrata Marinelli, che sfrutta un lancio dalle retrovie di Alborghetti, supera in velocità Bartoli e Pettenuzzo e lascia partire un potente destro che batte sul proprio palo una non irreprensibile Baldi.

Inter in dieci, traversa di Giugliano
Subito dopo il pareggio, le padrone di casa restano in dieci a causa del doppio giallo rimediato da Brustia per un intervento scomposto a centrocampo. Pochi minuti dopo, durante l’assedio giallorosso, Giugliano riceve palla al limite dell’area e lascia partire un destro che dopo un leggero tocco di Aprile termina la propria corsa sulla traversa.

Tante occasioni, un solo punto
Ancora una volta, come in tutte le partite fino ad ora disputate, la Roma crea numerose palle goal senza però riuscire a concretizzarne abbastanza per portare a casa i tre punti, vanificando di fatto una buona prestazione. Poco il cinismo, poca la cattiveria sotto porta, aspetti su cui si deve necessariamente lavorare in vista di impegni più probanti contro Milan, Fiorentina e Juventus. Nel frattempo, sabato prossimo la Roma andrà a far visita al San Marino.

Andrea Trupiano