RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

La Roma punta al mercato di gennaio

Più informazioni su

Fino a qualche anno fa il mercato di gennaio era abitualmente definito il mercato di riparazione. Ora si parla invece di ‘finestre’: c’è quella estiva e quella invernale. Cambiano i sostantivi ma il concetto resta lo stesso. Quindi gennaio resta il mese nel quale fare operazioni in entrata per cercare di risolvere eventuali lacune di rosa evidenziate dalla prima parte di stagione.

L’iter mentale della Roma invece si sta rivelando diverso, anzi opposto. Non è partita da nuovi calciatori che sarebbe il caso di inserire nella rosa ma da quelli che sembrano non più confacenti al progetto tecnico giallorosso. E, considerando l’introito economico di queste cessioni, a Trigoria si sta riflettendo come poterlo investire per qualche nuovo innesto.

Fonseca da questo punto di vista sembra avere le idee chiare. Perotti dà l’impressione di aver esaurito il suo ciclo nella Capitale: tecnicamente è indiscutibile ma troppo spesso infortunato e inoltre quando torna a disposizione spesso non convince affatto. Discorso diverso per Juan Jesus, che non è mai realmente entrato nelle ruotazioni del mister portoghese. In questo senso è indicativa più di mille parole la decisione di preferirgli l’esordiente Cetin in Roma-Napoli.

La cessione dei due calciatori non solo porterebbe liquidità per i loro cartellini ma farebbe risparmiare anche due ingaggi non trascurabili per un ammontare complessivo di circa 10 milioni lordi.

E poi c’è il discorso Florenzi. Ufficialmente si continua a dire che non c’è problema, che è tutto a posto. Ma attenzione, da un lato il calciatore ha dichiarato di non aver problemi fisici e dall’altro Fonseca ha chiarito che le sue esclusioni derivano da una scelta tecnica. Le due affermazioni fanno ‘scopa’. E allora siamo sicuri che è tutto a posto se il capitano nelle ultime sei gare non ha mai giocato da titolare raccimolando solo pochi minuti in campo?

Inevitabile ipotizzare che anche il numero 24 giallorosso possa rientrare nelle uscite di gennaio. Da non sottovalutare un aspetto economico-finanziario: la sua eventuale cessione sarebbe una notevole plusvalenza…

Andrea Felici

Più informazioni su