RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

“Le pagelle della Lazio”

Più informazioni su

Sconfitta ineccepibile. Inter più forte sia rispetto a noi che rispetto all’anno scorso.  Sbagliato l’approccio mentale, persi molti duelli fisici e surclassati nella tattica. Ormai un leit motiv delle sfide con le grandi. Quattro sconfitte su quattro contro Juventus, Napoli, Roma ed Inter. Un dato che deve far riflettere.

Forza Lazio!

Ecco le mie pagelle.

Strakosha 5,5: Si disimpegna bene in due circostanze. Un filo di colpa su due gol nerazzurri.
Luiz Felipe 5,5: Preferito a Wallace, fronteggia bene Perisic. Colpevole sul primo gol di Icardi.
Acerbi 5: Straperde il duello il 9 interista. Sotto tono. Anche gli alieni diventano umani.
Radu 5,5: Soffre Politano. Grintoso quando dovrebbe essere accorto. Al suo posto Bastos, S.V.
Marusic 5: Pareggia con Asamoah. Mai concreto, pochi guizzi e tante incertezza.
Milinkovic-Savic 5: Lontanissimo parente del Sergej dello scorso anno. Centoventi milioni di dubbi.
Badelj 5: Gioca senza una gamba. Sostituito da Cataldi, 5,5.
Parolo 5: Una delle sue peggiori prestazioni. Vecino lo mangia.
Lulic 5: Capitano sonnacchioso. Generoso ma sbilenco. Va al bar sul terzo gol.
Caicedo 5,5: Il migliore dei suoi. Procura falli, si dimena, ma è poca roba. Va affiancato. Al suo posto Correa, 6. Si dimena e dà brio alla manovra. Per lo meno ci prova.
Immobile 5: Claudicante e si vede. Si divora un gol clamoroso.

Inzaghi 5: Timoroso. Lancia Badelj zoppo e relega Berisha in panchina per novanta minuti. Correa doveva entrare prima. A volte inspiegabile.

Tommaso Franchi

Più informazioni su