RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Lirfl (rugby a 13): visita della Nazionale in Pakistan

Qualche settimana fa la pagina Facebook ufficiale della Lirfl ha voluto rilanciare un sentito e passionale commento di una freelance italiana, Laura Casaretti, che per motivi di lavoro si trovava nella “land of the pure”

Più informazioni su

Roma – Il passaggio della Nazionale allestita dalla Lega Italiana Rugby Football League (Lirfl) in Pakistan è stato indubbiamente uno dei momenti più significativi (se non il più alto) della stagione 2017-18. Qualche settimana fa la pagina Facebook ufficiale della Lirfl ha voluto rilanciare un sentito e passionale commento di una freelance italiana, Laura Casaretti, che per motivi di lavoro si trovava nella “land of the pure” (“la terra dei puri”, il Pakistan) e ha vissuto l’arrivo decisamente molto mediatico degli italiani “brava gente” della Nazionale di rugby a 13.

Quando i giocatori di rugby league italiani sono arrivati qui, sapevano molto poco del Pakistan. “La presa elettrica è la stessa che in Italia?” hanno chiesto alcuni. Si aspettavano un sacco di cibo piccante e di scoprire un paese lontano dalla loro vita quotidiana. Sicuramente non si aspettavano di essere scortati dalla polizia, seguiti da veicoli blindati, né si aspettavano di essere circondati da disposizioni di massima sicurezza all’esterno del Marriott Hotel, dove erano alloggiati.

Dopo il micidiale attacco alla squadra di cricket dello Sri Lanka nel 2009, che ha causato la morte di otto persone, le squadre internazionali hanno evitato il Pakistan. Tutte le partite “casalinghe” sono state giocate negli Emirati Arabi Uniti. Nel caso del rugby league, non sono stati giocati affatto.

“Ospitare la squadra italiana di rugby a 13 a Islamabad e giocare una partita segna l’inizio dello sviluppo del rugby league nel Paese”, ha dichiarato Kashif Khwaja, capitano della Nazionale di rugby a 13 del Pakistan. Ikram Butt, fondatore di BARA (British Asia Rugby Association), e Pierluigi Gentile, presidente della Lirfl, hanno lavorato duramente per far sì che ciò accadesse.

L’Italia aveva già assaporato in un certo senso la durezza del giocatore asiatico durante la partita contro il BARA, a Leeds, nel Regno Unito. Perché non provare a confrontarsi contro la squadra pakistana a Islamabad? La decisione era storica e serviva un teatro storico come lo stadio di Jinnah.
Le preoccupazioni legate alla sicurezza erano molte. Non c’era solo il rischio di episodi legati al terrorismo, ma anche all’instabilità politica interna del paese. La capitale pakistana è stata bloccata per quasi due settimane dalla protesta di una setta religiosa che chiede la pena di morte per blasfemia.

Scontri contro la polizia potrebbero scoppiare in qualsiasi momento ed è per questo che la scadenza per la fine del sit-in è stata continuamente rinviata. Era questo il momento giusto per una partita internazionale? Gli italiani non ci hanno pensato troppo. La loro spontaneità ha prevalso, la data della partita è stata confermata. Ai miei connazionali e alle donne di campagna piace pensare a se stessi come gente amichevole e di mentalità aperta, non troppo condizionati dalla politica internazionale o dal terrorismo. Esiste anche un’espressione per questo concetto: “Italiani brava gente”.

Non era questo, comunque, quello che li ha convinti a venire in Pakistan nonostante le preoccupazioni. L’orgoglio e il conforto sono qualcosa di strettamente correlato al rugby league e i giocatori dimostrano di onorarlo. Sicuramente, all’inizio, non si erano resi conto di quanto sarebbe stata storica la partita. Per gli italiani, la calda accoglienza ricevuta dal Pakistan è stata davvero una sorpresa, così come vedere troppe guardie di sicurezza con i fucili. “A cosa servono questi muri?”, ha chiesto uno dei ragazzi, indicando i muri devastati appena fuori dall’enclave diplomatica.

La maggior parte di loro sono giovani di 20 anni, più interessati a sapere se possono usare le famose linee di pick-up romantiche italiane, piuttosto che alle minacce alla sicurezza. Ben presto, tuttavia, si sono resi conto del rischio che stavano affrontando. E, fatto ancora più importante, hanno iniziato a fare domande sul popolo pakistano, i suoi limiti di vita, le paure. E a quel punto è arrivato in modo quasi naturale il loro supporto, il voler abbracciare la loro lotta quotidiana contro il pregiudizio internazionale e l’insicurezza interna.

Ad un atleta di rugby non serve una cicatrice per renderlo coraggioso, ma serve lottare per i suoi compagni, essere un buon giocatore di squadra. In questo sport non esiste un giocatore che va avanti da solo, deve esserci l’intera squadra. Quindi questo è quello che hanno fatto. Insieme ai giocatori pakistani, hanno deciso di andare oltre ai motivi di sicurezza che hanno impedito a molte squadre internazionali di atterrare in Pakistan.

“Il rugby è davvero una metafora della vita”, ha dichiarato con passione Alessandro Ippoliti, capitano dell’Italia. “Ti muovi indietro e avanti passo dopo passo, tutti insieme lungo una linea orizzontale che divide il tuo terreno da uno dei tuoi avversari. Solo con la spinta fisica ed emotiva di tutti i membri del tuo team puoi superare la linea e raggiungere il risultato”.

La sfida, in questo caso, andava al di là di un campo da rugby. L’incontro ha visto la vittoria della squadra ospite, ma a renderla memorabile è stata lo spettacolo della sportività. “Stiamo lavorando per portare un’edizione della Coppa del Mondo qui in Pakistan”, ha scritto in seguito l’ambasciatore italiano Stefano Pontecorvo su twitter dopo aver assistito in tribuna alla partita, mostrando tutto il suo sostegno per promuovere una diversa percezione del Pakistan in tutto il mondo. Per entrambe le squadre, il dolore fisico dei colpi ricevuti durante la partita è evaporato nel giro di pochi giorni. L’orgoglio di aver fatto parte di un evento di questo tipo, invece, è durato sicuramente più a lungo».

Più informazioni su