RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Mabbonath Futsal,  Immesi : ”Nazionale, che sogno…”

Più informazioni su

Mabbonath Futsal,  Immesi : ”Nazionale, che sogno…” –

Tanti sono i ragazzi che con passione e dedizione si avvicinano al ruolo del portiere, alcuni , inizialmente, si trovano a difendere quei pali per caso. Da sempre infatti, il quinto uomo è il giocatore più difficile da trovare, ma nello stesso istante che volti le spalle alla rete, scopri in un battito di ciglia, un amore che ti accompagnerà per sempre.

I nostri microfoni si sono avvicinati ad un giovane portiere che ha provato questi sentimenti sulla propria pelle; un ragazzo che deve dire grazie al fratello maggiore che, un giorno di tanti anni fa, non riusciva a trovare nessun bambino che volesse giocare in un ruolo così delicato… Di chi sto parlando?

Antonino Immesi, estremo difensore 23enne della Mabbonath Futsal che milita nel campionato di C1 della Sicilia.

Buongiorno Antonio,

Il ruolo del portiere ti accompagna da anni, penso che non sia superfluo dire che ormai, per te, è come avere una seconda pelle; cosa provi prima di entrare in campo a pochi secondi dall’inizio del match?

“Entro in un mondo a parte. Da sempre comincio ad essere concentrato dal primo momento in cui l’ arbitro decreta l’inizio della gara, non penso più a nulla, solo a dare il massimo”.

E’ difficile trovare una definizione di un concetto che senti che ti appartenga, che sia parte di te; tuttavia per te, cosa significa essere un portiere ?

“Essere un portiere significa assumersi tante responsabilità, è il ruolo più difficile, è il 50% della squadra. Ti trovi in una posizione determinante dove nessun errore è concesso, dove nessun errore viene dimenticato. Se sbagli prendi gol. Nelle tue mani ci può essere, anzi, c’è il risultato di un’ intera partita”.

Sogni nel cassetto?  

“Come sogno nel cassetto vorrei in questa occasione sbilanciarmi tantissimo. Vorrei raggiungere, come penso per la maggior parte dei portieri, la nazionale italiana. Difendere i pali della propria nazionalità sarebbe stupendo; so che sarà una cosa impossibile, ma dato che è un sogno voglio farlo in grande”.

Quali sono i tuoi obiettivi futuri ?

“Guardando al futuro, mi piacerebbe disputare un buon campionato di Serie B per poi togliermi qualche soddisfazione; il resto lo vedremo strada facendo”.

Liliana Nicoletta 

Più informazioni su