RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Mercato Roma: le spine di Petrachi

Più informazioni su

Ogni rosa ha le sue spine. E quella della Roma non fa eccezione. Naturalmente non stiamo parlando di fiori ma dei calciatori che Fonseca avrà a disposizione per la stagione calcistica 2019/20. Acquisti che mancano, esuberi da piazzare e situazioni da chiarire. Ecco gli insidiosi aculei appuntiti che minacciano la serenità del direttore sportivo giallorosso, ad un mese dall’inizio del campionato.

Capitolo acquisti  Ad oggi nella squadra titolare mancano i sostituti dei partenti Manolas e El Shaarawy, oltre all’eventuale sostituto di Dzeko nell’ormai probabile ipotesi che il bosniaco approdi a Milano sponda nerazzurra. Proprio nella trattativa tra Roma e Inter la sensazione è che i giallorossi diano l’ok all’operazione solo quando avranno già in mano l’alternativa. Per il difensore centrale si cercherà di arrivare ad Alderweireld o Nkoulou, in caso negativo il nome che circola è quello di Pezzella della Fiorentina. Come attaccante esterno piace Suso del Milan ma la valutazione che i rossoneri danno del venticinquenne spagnolo (40 milioni) è ritenuta eccessiva a Trigoria. Sicuramente una buona parte della prossima stagione Petrachi se la giocherà proprio su queste scelte.

Capitolo esuberi  Olsen, Nzonzi, Defrel e forse Pastore. Questi i calciatori che la Roma dovrà piazzare sia per rimpinguare le casse societarie, e quindi facilitare gli acquisti ancora necessari, sia per liberarsi di giocatori che per diversi motivi non sono più considerati funzionali alla Roma 2019/20. Al di là della questione Pastore, al momento Nzonzi sembra essere quello più difficile da vendere. Per tanti motivi. Motivi anagrafici (31 anni a dicembre), economici (costo del cartellino e dell’ingaggio) e tecnici visto il suo rendimento nell’ultima stagione.

Oltre a questo ci sono non poche situazioni da chiarire. Si tratta ad esempio del futuro di Karsdorp, arrivato un paio di anni fa e mai sbocciato nella Capitale. E sempre restando sull’out di destra c’è da definire la posizione di Florenzi: se non sarà ritenuto da Fonseca un titolare accetterà di buon grado di fare la riserva alla soglia dei 30 anni? E alla Roma converrebbe avere una riserva con uno stipendio così pesante? E poi bisognerebbe fare chiarezza anche su Kolarov: i giallorossi hanno pagato a peso d’oro Spinazzola (30 milioni) per fargli fare panchina? Senza considerare la posizione di Zaniolo.

Il tempo per definire queste situazioni c’è ma è sempre di meno. Tra un mese inizia il campionato. E per Petrachi il lavoro non mancherà di certo…

Andrea Felici

 

Più informazioni su