Quantcast

Nuoto. Confronto e promozione, Europei Roma 2022 in vetrina a Kazan

Roma – La delegazione del Comitato organizzatore dei Campionati europei delle discipline acquatiche (11-21 agosto) e dei master (25 agosto-4 settembre) di Roma 2022, guidata dal direttore Bruno Campanile, lascia Kazan dopo tre giorni di promozione, confronto e riflessioni.

Gli Europei in vasca corta sono stati l’occasione per incontrare il direttore dell’organizzazione locale Ranko Tepacevic, il direttore esecutivo della Ligue Europeenne de Natation Gianni Minervini e l’operations manager Marco Birri, nonché rispondere alle domande e approfondire le curiosità avanzate da tecnici e dirigenti delle nazionali presenti.

Particolari attenzioni sono state poste all’allestimento della venues in tutti i suoi dettagli (tra cui aree di gara, fisio e relax per atleti e staff tecnici-sanitari, doping, cerimoniale, timing), a trasporti ed accommodation, a zone broadcasting e media, nell’ambito costruttivo di un continuo scambio di informazioni e idee volte a individuare soluzioni a criticità comuni e talvolta inedite, come quelle indotte dalla necessità di convivere ancora con gli effetti della pandemia in piena sicurezza.

“Sono stati tre giorni fruttuosi e pieni di condivisione e crescita comune- spiega Campanile- Torniamo a Roma con ulteriori sicurezze ed esperienza da porre al servizio dell’organizzazione di Roma 2022.”

“Lo stato di avanzamento dei lavori procede con regolarità e a breve comunicheremo iniziative che porranno ulteriormente la città e tutto il territorio nazionale al centro del programma di promozione e avvicinamento.”

“Complimenti agli Azzurri per i risultati finora conseguiti a Kazan e a tutti i nuotatori europei per l’elevato standard prestativo che sta generando spettacolo e interesse malgrado l’impossibilità di ospitare pubblico a causa dell’impatto del Covid in Russia. L’auspicio- conclude Campanile- è che Roma 2022 possa rappresentare la festa delle discipline acquatiche anche per il ritorno alla normalità”. (Agenzia Dire)