RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Primavera. Vince la Lazio, ma grande Lupa

Più informazioni su

Primavera. Vince la Lazio, ma grande Lupa –

SS Lazio: Borelli, Spiezio, Baxevanos, Spurio, Rezzi, Bari, Beqiri, Sarac, Muzzi, Al Hassan, Portanova. A disp.: Ceka, Miceli, Folorunsho, Bezziccheri, Ndiaye, Rossi, Spizzichino. All.: Bonatti

Lupa Roma: Cuzzocrea, Nicoletta, Bruno, Di Franco, Cellitti, Cicchetti, Viola, Cesaroni, Indovino, Riccio, Malandrucco. A disp.: Civica, Federici, Gasperini, Bianchi, Macchiaroli, Crimi, Saliu, Treombetti, Pape’ Ibrahima Diouf, Amendola, Quintigliani. All.: Isoni.

Arbitro: Marco Bevilacqua

Marcatori: Cellitti (LR) (aut.), Malandrucco (LR), Muzzi (L)

SS LAZIO – LUPA ROMA    2 – 1

La Primavera della SS Lazio approfitta del turno di riposo e decide di aprire le proprie mura di Formello per ospitare una partita amichevole contro i ragazzi della Lupa Roma Juniores.

Alle ore 11 il direttore di gara Marco Bevilacqua decreta il tanto atteso inizio del match; gli ospiti non si fanno attendere e infatti fin da subito provano ad impostare un’azione offensiva con Viola che prova la conclusione dalla lunga distanza ma, ad aspettare il tiro del numero 7 in maglia arancio, c’è un attentissimo Borelli che para in tuffo.

Al 12’ si aprono le marcature e la Lazio si porta in vantaggio approfittando dell’autorete di Cellitti che interviene nella propria area di rigore in maniera poco composta beffando così il proprio numero 1 Cuzzocrea.

Qualche giro di lancetta più tardi la formazione di mister Isoni ha una buona occasione per riportare il match in parità; Cesaroni s’incarica della battuta di un calcio piazzato da una buona mattonella di campo; conclusione però che non reca danno alle retrovie biancocelesti.

Nella seconda frazione di gioco i ritmi cominciano ad alzarsi, infatti, fin da subito, la Lazio si propone in avanti alla ricerca del doppio vantaggio. A rendersi pericoloso per i ragazzi del tecnico Bonatti è Muzzi che cerca di sorprendere l’estremo difensore ospite con un’angolata banfella; conclusione imprecisa che si spegne sul fondo.

Verso il finale della seconda frazione di gioco, Malandrucco riporta l’equilibrio sul rettangolo di gioco.

Nel calcio basta un secondo, una sola giocata per decidere un’intera gara e questa ne è stata la dimostrazione; poco prima del triplice fischio del direttore di gara, Ramon Muzzi inventa la giocata gonfiando la rete per la seconda volta, firmando così la vittoria biancoceleste.

Altri appuntamenti aspettano entrambe le compagini; la Lazio dopo il turno di riposo appena trascorso, dovrà mettere nuovamente testa al campionato; ad attendere le aquile ci saranno Milan e Spal.

La Lupa invece ha già concluso il proprio campionato ma mister Mario Isoni vuole tener alta la concentrazione dei ragazzi, in vista, infatti, varie amichevoli, la prossima contro la serie D del Fiumicino.

Liliana Nicoletta 

Più informazioni su