RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Roma: gli stessi problemi di sempre, da 3-0 a 3-3

Più informazioni su

Se alla vigilia dell’insidiosa trasferta di Bergamo si fosse predetto il pareggio, sicuramente i tifosi giallorossi non avrebbero perso il sonno per la felicità ma si sarebbero serenamente accontentati. I valori assoluti delle due rose restano nettamente diversi. Però la realtà dice altro, con i bergamaschi addirittura in corsa per un posto Champions e i capitolini che rincorrono affannosamente il quarto posto.

D’altronde la gara di andata all’Olimpico, dove gli ospiti con molte riserve presero letteralmente a pallonate i padroni di casa per almeno un tempo, è ancora viva nei ricordi. Quasi un monito per la truppa di Di Francesco. Monito che non è stato evidentemente sufficiente.

Perchè a Bergamo la Roma ha fatto la stessa prestazione dell’andata, invertendo solo i tempi. Primo tempo buono, nel quale sia chiaro la partita l’ha fatta l’Atalanta, ma i giallorossi si sono dimostrati estremamente concreti nel realizzare le occasioni avute. Infatti al 40′ il punteggio era sul 3-0 grazie alla doppietta di Dzeko e al gol di El Shaarawy.

Nella ripresa il disastro assoluto. I padroni di casa hanno chiuso la Roma nella propria trequarti senza permettergli una sola ripartenza. Il dominio dei nerazzurri è stato nettissimo. Hanno più volte creato i presupposti per occasioni da gol, anche se non sempre ci sono riusciti per scarsa lucidità.

Hateboer sull’esterno è stato una costante minaccia e Gomez ogni volta che prendeva palla dava la sensazione di poter sfornare l’assist vincente. Ma la percezione di ciò che è stata la ripresa è ben rappresentato dal fatto che per lunghi frangenti i difensori centrali atalantini erano all’interno del centrocampo giallorosso.

Complessivamente, considerando che i nerazzurri hanno anche fallito un rigore, se proprio il pareggio deve star stretto ad una squadra senza dubbio si tratta dell’Atalanta.

Per la Roma invece un film già visto, che va in onda senza soluzione di continuità da inizio stagione. Le vittorie delle settimane precedenti avevano illuso solo coloro che considerano esclusivamente il risultato. Se si analizzano infatti le prestazioni contro Genoa e Torino ci si accorge che al netto delle prodezze di Kluivert e Zaniolo i problemi della squadra sono sempre stati  gli stessi.

Però si può sempre dire che nonostante tutto i giallorossi sono ad una sola lunghezza dal quarto posto. E a questo punto, se non fosse un articolo ma un servizio televisivo, sarebbe il caso di far partire la più adatta colonna sonora per la Roma di questa stagione: “Finchè la barca va”…

Andrea Felici

Più informazioni su